Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
E-commerce / in evidenza / Marketing

E’ on line Kindle MatchBook: per ogni libro di carta Amazon ti vende anche l’e-book. Peccato, solo in USA!

E’ on line Kindle MatchBook: per ogni libro di carta Amazon ti vende anche l’e-book. Peccato, solo in USA!
1 minuti di lettura

E’  on line il nuovo servizio di Amazon Kindle MatchBook,  annunciato i primi giorni di settembre e operativo da ieri, come si legge nella nota stampa. Vi ricordate in cosa consiste? Per sollevare i propri clienti dall’indecisione di acquistare un libro di carta o in formato digitale, il colosso dell’e-commerce da oggi dà la possibilità di acquistare con l’edizione cartacea – anche acquistata molti anni fa (per esempio nel 1995, anno in cui Amazon è stata fondata) – anche quella elettronica per il Kindle, pagando da 0,99 a 2,99 dollari,

In Kindle MatchBook sono presenti più di 70.000 titoli, senza contare quelli nuovi che vengono aggiunti ogni giorno. Il programma è stato annunciato il 3 settembre con oltre 10.000 titoli e da allora migliaia di libri sono state aggiunte dagli editori e dagli autori Kindle Direct Publishing.

È stato bello vedere la risposta positiva a Kindle MatcBook sia da parte dei lettori che degli editori, ha detto il vice presidente di Kindle Content Russ Grandinetti.
L’iscrizione è cresciuta da 10.000 a 70.000 titoli nel giro di poche settimane e ci aspettiamo che questa rapida espansione sarà confermata anche nei prossimi mesi.

Per ora Kindle MatchBook è disponibile solo negli Stati Uniti, ma speriamo arrivi presto anche da noi. Si tratta  infatti di un servizio importantissimo che coniuga sviluppo del mercato e gradimento dei lettori e non va a danno degli altri canali di vendita: al contrario di quello che si pensa, il libro digitale non è un’alternativa a quello di carta ma lo integra.
Come si legge qui, MatchBook è un ottimo esempio di bundling che potrebbe essere una risposta al problema di monetizzare i contenuti digitali e portare i consumatori a pagare un prezzo premium per alcuni di questi.
Un altro celebre esempio di bundling è rappresentato da “The Economist” quando, alla fine del 2012, ha convinto metà dei suoi abbonati USA ad aggiungere 25 dollari all’abbonamento per avere entrambe le edizioni del settimanale, il magazine recapitato a domicilio e l’accesso a tutti i contenuti di “economist.com”. Adesso “The Economist” ha tre opzioni: stampa, digitale e bundle. La terza va per la maggiore.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register