Apps & Mobile / in evidenza / Innovazione / Marketing / Prodotti e aziende

Il display curvo vale 690 euro? Ecco il Samsung Galaxy Round: uscita imminente, prezzo, caratteristiche

Il display curvo vale 690 euro? Ecco il Samsung Galaxy Round: uscita imminente, prezzo, caratteristiche
3 minuti di lettura

Cosa non si fa per rispondere al nubifragio iphone: ecco il Samsung Galaxy Round, primo esemplare al mondo di smartphone con schermo flessibile dal costo di circa 690 euro, pare in definitiva uscita coreana entro fine settimana (almeno, i rumors del sito Asiae narrano così).

Del resto, più che Apple che prepara lo sbarco italiano dei suoi iphone 5S e 5C (dopo il già esordio americano ed europeo), qui bisogna guardarsi dalla concorrenza di LG, l’altro produttore che sembra pronto per lo schermo flessibile col suo pubblicizzato display curvo G Flex.

Il nuovo Galaxy con lo schermo curvo

Ecco perché il Samsung Galaxy Round dovrebbe essere “tra noi comuni mortali” addirittura dopo domani, giovedì 10 Ottobre, anche se non ci sono ancora conferme ufficiali in proposito: se così fosse, però, Samsung sarebbe la prima azienda ad immettere sul mercato un dispositivo di questo tipo.

Vuoi mettere fare il pionere? Eh si, alla Samsung ci tengono spaventosamente: lo smartphone Samsung Galaxy Round, secondo i rumors, farà uso di un display in plastica piuttosto che uno fatto di vetro. Asiae ha riportato la notizia a seguito di un commento fatto da un dirigente di Samsung nel mese di settembre che ha confermato l’imminente rilascio di un telefono con display curvo: “abbiamo in programma di introdurre uno smartphone con un display curvo in Corea del Sud nel mese di ottobre” è quanto detto da DJ Lee, capo della divisione mobile di Samsung, in occasione dell’evento di lancio dello smartphone Galaxy Note 3.

Samsung Galaxy Round sarà il nome commerciale del primo smartphone con display curvo della società: indiscrezioni recenti sostengono che il telefono offrirà caratteristiche simili a quelle trovate nel Galaxy Note 3 di Samsung (di cui pare verrà realizzata anche una versione con display flessibile).

Caratteristiche del Samsung Galaxy Round nel dettaglio:

  • display da 4,7 pollici con risoluzione HD da 1280×720 pixel
  • processore quad-core
  • 2 GB di RAM
  • fotocamera posteriore da 8 megapixel
  • sistema operativo Android 4.3 Jelly Bean

Ultimo ma forse primo, il prezzo del Samsung Galaxy Round, che dovrebbe aggirarsi di sul milione di won (pari a circa 687 euro): il dispositivo, ovviamente, potrebbe aprire la strada ad un mercato del tutto nuovo per assicurare ai consumatori dispositivi ancora più innovativi rispetto al passato.

La risposta (anticipata?) di LG

LG ha ufficialmente annunciato che inizierà la produzione di massa di un nuovo leggero pannello da 6 pollici, presentato dall’azienda sud coreana come “il primo pannello OLED flessibile al mondo per smartphone”. Il display è costruito da supporti in plastica che gli conferiscono proprietà pieghevoli, permettendo così di essere fissato all’interno di dispositivi con un design curvo, oltre a poter essere utilizzato in eventuali telai caratterizzati da flessibilità.

LG potrebbe includere il suo primo schermo flessibile all’interno del G Flex, una nuova gamma di smartphone (phablet) da 6 pollici che sarà annunciata il prossimo mese, ma l’azienda prevede l’arrivo di nuovi prodotti con “migliori prestazioni e design differenziato” in arrivo il prossimo anno.

Il nuovo display è anche infrangibile e concavo verticalmente, dall’alto verso il basso, con un raggio di 700 millimetri; pesa 7,2 grammi, è spesso solamente 0,44mm ed è il pannello per dispositivi mobile più sottile al mondo tra quelli già presenti sul mercato

Schermo curvo: di cosa si tratta

Non si piega, bellezza. La prima cosa da sapere è proprio questa: flessibile, o anche curvo, non sta ad indicare che il display si piega come il famoso cucchiaio di Matrix, perché il corpo del telefono stesso è rigido. Il display è curvo e non può comunque muoversi dentro al corpo rigido. Vale per il Samsung Galaxy Round e anche per il G Flex.

La curva permette al telefono di adattarsi più comodamente intorno ai contorni del viso. Tutto qui. Le tecnologie di oggi ancora non consentono (almeno per il mercato) di avere dispositivi pieghevoli nella loro interezza, in quanto batterie flessibili o altri componenti hardware in grado di piegarsi non ci sono.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>