Agenda Digitale / Competenze Digitali / Egovnews / in evidenza / Innovazione / Marketing / Politica / Smart City / Strategia

Fibra ottica: il decreto scavi e’ realta’. Leggi specifiche e testo ufficiale

Fibra ottica: il decreto scavi e’ realta’. Leggi specifiche e testo ufficiale
2 minuti di lettura

Ora è ufficiale, il decreto c’è, seppur, come da noi evidenziato in tempi non sospetti, al netto dei guadagni della fibra ottica l’agenda digitale ci rimette sempre. In ogni caso, con l’intesa sancita in sede di Conferenza Unificata lo scorso 26 settembre, è stato approvato lo schema di decreto fibra ottica del Ministro dello sviluppo economico di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti ai sensi dell’articolo 14, comma 3, del decreto legge n. 179/2012, convertito dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, concernente le specifiche tecniche delle operazioni di scavo e ripristino per la posa di infrastrutture digitali nelle infrastrutture stradali.

La prima particolarità del decreto scavi sulla fibra ottica è che è stato cancellato, dallo stesso, l’obbligo di affidare il progetto a un progettista qualificato. Nelle bozze intermedie era precisato, invece, che se l’installazione avesse richiesto “la realizzazione di scavo o comunque di opere civili” il promotore avrebbe dovuto allegare all’istanza “un progetto ai sensi dell’articolo 88, comma 6 del codice delle comunicazioni elettroniche firmato da un tecnico abilitato alla progettazione di opere civili e iscritto all’albo professionale”.

Detto questo, passiamo alle specifiche del decreto, che ha l’obiettivo di facilitare la posa della fibra ottica in ambito urbano e extraurbano per lo sviluppo della rete a banda larga e ultralarga e definisce regole valide a livello nazionale che identificano le tecnologie di scavo c.d. poco invasive, quali la minitrincea e la perforazione orizzontale, quali prioritarie per la posa di infrastrutture digitali.

Rimangono valide le previsioni inserite nei singoli regolamenti comunali nei casi di interventi su pavimentazione in pietra naturale e materiali artificiali e di elevato pregio.

Il Decreto fibra ottica contiene i seguenti 13 articoli:

  • art. 1 – Oggetto, ambuto di applicazione e finalità
  • art. 2 – Definizioni
  • art. 3 – Criteri e aspetti generali per il posizionamento delle infrastrutture digitali
  • art. 4 – Posizionamento delle infrastrutture digitali in ambito urbano
  • art. 5 – Posizionamento longitudinale delle infrastrutture digitali in ambito extraurbano
  • art. 6 – Posizionamento trasversale delle infrastrutture digitali in ambito extraurbano
  • art. 7 – Metodologia di perforazione orizzontale e modalità di ripristino
  • art. 8 – Metodologia di scavo con minitrincea e modalità di ripristino
  • art. 9 – Metodologia di scavo tradizionale e modalità di ripristino
  • art. 10 – Posizionamento in punti singolari
  • art. 11 – Obblighi dell’Ente gestore della strada
  • art. 12 – Obblighi dell’Ente operatore
  • art. 13 – Norme transitorie e finali

Per salvaguardare la sicurezza delle strade, le infrastrutture digitali dovranno essere installate prioritariamente all’esterno della carreggiata, in posizione tale da non inficiare il corretto funzionamento dei dispositivi di ritenuta eventualmente presenti e salvaguardare tutte le altre opere strutturali. Nel caso di impossibilità tecnica nell’utilizzo del marciapiede e della banchina è consentito lo scavo in carreggiata, che dovrà essere realizzato il più vicino possibile al margine.

LEGGI E SCARICA IL TESTO UFFICIALE DEL DECRETO SCAVI FIBRA OTTICA!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>