Agenda Digitale / Blogger / Competenze Digitali / E-commerce / Egovnews / in evidenza / Innovazione / Marketing

Biglietti maledetti: le inefficienze di Trenitalia pagate da noi cittadini

Biglietti maledetti: le inefficienze di Trenitalia pagate da noi cittadini
1 minuti di lettura

Trenitalia, la grande illusione. Seduto comodamente sul mio divano, di sera, pretendo di prenotare e di acquistare i biglietti per poter peregrinare tranquillamente in giro per l’Italia. Un vero #nomadworker.

Volo aereo: prenotazione e acquisto, chek in, il tutto fatto senza problemi in pochi minuti. Purtroppo devo acquistare il biglietto per il treno (solo Trenitalia, la mia tratta non è servita da Italo).

Ovviamente ho la carta fedeltà….entro nel sito. Scelgo la tratta, ottimo prezzo (76 euro). Prenoto, inserisco i dati della mia carta di credito (la stessa con la quale avevo appena eseguito la transazione per il volo aereo). Messaggio di Trenitalia: acquisto non possibile perché i circuiti bancari on line …ecc.ecc..

E va bene, già successo. Il sito di Trenitalia non funziona mai per gli acquisti. Il giorno successivo mi presento alla Sala riservata Trenitalia (Carta platino di Trenitalia ti consente qualche privilegio – e vorrei vedere con i soldi che gli lascio -).

Personale sempre gentilissimo, complimenti. Acquisto il mio biglietto al prezzo di euro 112. Ma come, dico io, 76 euro ieri sera e 112 oggi e solo perché Trenitalia non mi ha consentito di effettuare la transazione on line.

Il giorno del mio compleanno Trenitalia mi ha regalato un buono di 10 euro. Naturalmente ho chiesto di utilizzarlo. No, mi dice la sconsolata addetta allo sportello. Il buono si può usare solo per le transazioni on line. Inferocito, ma impotente, mi arrendo.

Possibile che il nostro Paese debba continuare a subire questi livelli inefficienza che costano tempo e denaro alle persone normali? Possibile che concorrenza e mercato (parametri prezzo, digitalizzazione ed efficienza) non possano affermarsi anche nel nostro Paese in tutte le tratte, dall’alta velocità alle tratte regionali.

Vorrei un Paese mediamente normale. Posso averlo?????

Un pensiero più raffinato sulla necessità di digitalizzare la Pubblica Amministrazione per renderla efficiente è disponibile sul mio ebook “Una scommessa da vincere”. SCARICATELO

Foto del profilo di Michele Vianello
Ex Direttore Generale di VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia, imprime una forte impronta di innovazione IT nel territorio veneziano e veneto, sperimentando e attuando, a favore della crescita tecnologica e della competitività delle imprese, modelli avanzati di sviluppo gestionale e organizzativo “Enterprise 2.0”, nuove modalità di marketing “Web 2.0”, le più avanzate soluzioni tecnologiche e piattaforme di eccellenza. La sua carriera politica ha inizio nel 1997 come Vice Sindaco nella sua città natale: Venezia. Deputato della Repubblica dal 2001 al 2005, rientra a Venezia, braccio destro del Sindaco Cacciari alla guida della città lagunare, fino a ottobre 2009. In quattro anni promuove un cambiamento radicale nell’organizzazione della macchina comunale e nell’interazione tra PA e cittadini, con l’adozione delle filosofie gestionali “Web 2.0” e “Amministrare 2.0”. E’ ideatore delle politiche del Comune di Venezia in materia di banda larga e connettività wi-fi: con il progetto “Cittadinanza digitale” ha reso Venezia la prima città d’Italia completamente digitale, con connessione Internet wi-fi gratuita per tutti i residenti nelle piazze, biblioteche e uffici pubblici; con il portale “Venice Connected”, che intermedia decine di migliaia di ordini, ha contribuito ad innovare la gestione dei flussi turistici della città. Numerose le relazioni, gli scritti e le interviste di natura specialistica rilasciate su riviste e quotidiani. Nel 2010 pubblica il libro “VE 2.0. Cittadini e libertà di accesso alla rete” edito da Marsilio Editori. Ad aprile 2010 è stato insignito del prestigioso premio nazionale “La città dei cittadini – Cineca Award 2010”, quale personalità che si è più distinta in Italia nello sviluppo di progetti che favoriscono la comunicazione tra Istituzioni e cittadini, in particolare nell’erogazione di servizi tramite le nuove tecnologie web.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>