Pagamenti elettronici della PA sempre piu’ vicini, l’Agenzia per l’Italia digitale ha pubblicato le Linee guida

Scritto da:     Tags:  ,     Data di inserimento:  11 settembre, 2013  |  Nessun commento
11 settembre, 2013
pagamenti_on_line

Visite: 2101

Tutto pronto per i pagamenti elettronici a favore della PA: le Linee guida predisposte dall’Agenzia per l’Italia digitale hanno infatti incassato il parere favorevole della Banca d’Italia e sono ora a disposizione on line per la consultazione pubblica, precisamente fino al 30 settembre. Le osservazioni potranno essere inviate all’indirizzo lineeguidapagamenti@agid.gov.it.

Con la pubblicazione delle Linee guida il quadro normativo di riferimento è ora completo,  le Pubbliche Amministrazioni possono così attuarlo e “ottemperare all’obbligo di mettere a disposizione della propria utenza, strumenti e applicazioni per eseguire pagamenti elettronici a favore della PA come stabilito dall’articolo 81 del Codice dell’Amministrazione Digitale”. L’individuazione in dettaglio delle attività da compiere e dei tempi di realizzazione dovrà essere completata entro e non oltre il 31 dicembre 2015.

“Il senso pratico della novità è evidente”, ha detto al Corriere delle Comunicazioni Agostino Ragosa, direttore dell’Agenzia. “Fino ad oggi la PA non aveva un sistema unico e omogeneo per gli incassi dei pagamenti, perché non era chiaro il ruolo dei soggetti coinvolti. Con Banca d’Italia abbiamo realizzato un sistema di pagamenti coerente con gli standard della Sepa, cioè quelli che si stanno diffondendo a livello europeo, e identificato anche un luogo fisico dove farli: gli stessi dove i cittadini sono già abituati a pagare, ossia le banche, le Poste, la Sisal”, ha continuato Ragosa.

Le Linee guida, ricordiamolo, attuano l’articolo 5 del Cad (d.lgs. n. 82/2005) come recentemente modificato dall’articolo 15 d.l. n. 179/2012 (decreto sviluppo-bis). Tale norma prescrive l’obbligo per le pubbliche amministrazioni di accettare i pagamenti, a qualsiasi titolo dovuti, anche con l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e quindi con modalità informatiche. Per effettuare i pagamenti potranno infatti essere utilizzati il bonifico bancario o postale ovvero il bollettino postale. I versamenti si potranno effettuare anche con carte di debito, di credito e prepagate ed altri strumenti di pagamento elettronico disponibili che consentono anche l’addebito in conto corrente avvalendosi dei prestatori dei servizi di pagamento e quindi degli intermediari finanziari. Le stesse amministrazioni sono tenute inoltre a tal fine a pubblicare sul proprio sito l’indicazione dell’Iban e del codice identificativo di riferimento.

Testo e allegati delle Linee guida per i pagamenti elettronici

Le Linee guida si compongono del documento principale contenente le disposizioni normative e di due allegati tecnici:

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: