Europa leader nella app economy, e’ seconda solo agli Stati Uniti

Scritto da:     Tags:  , , ,     Data di inserimento:  10 settembre, 2013  |  Nessun commento
10 settembre, 2013
app_economy

Visite: 1446

Vecchio continente sì ma non per questo antiquato… L’Unione Europea, infatti, rappresenta a livello globale più di un quinto della produzione (il 22 %)  e un quarto del consumo di app e prodotti correlati: è il risultato di Eurappil nuovo report della Commissione europea sulla crescente importanza delle app per l’economia europea, la cosiddetta App Economy appunto.

Il report è stato presentato lo scorso 4 settembre dal Commissario CE Neelie Kroes che, come ha detto nel suo discorso di presentazione, “ha un sacco di speranza” perché il rapporto, avviato proprio per determinare la dimensione del settore, “mostra una app economy europea dal valore di centinaia di migliaia di posti di lavoro e di miliardi di euro l’anno. Che non è male per una economia che 5 anni fa nemmeno esisteva”.

Oltre alla dimensione del settore –  per cui l’Europa è seconda solo al Nord Europa – la Kroes ne sottolinea anche la struttura e la varietà, il fatto, cioè, che grazie alle poche barriere di ingresso vi operino sia grandi colossi come Facebook e YouTube sia imprese artigianali, solidi produttori di tecnologie come startupper appena entrati nel business.

Secondo la Kroes la app economy “è un grande esempio di ciò che accade se si crea l’ambiente giusto attorno alle persone che intendono creare qualcosa di nuovo“. È in questo senso che va intesa l’Agenda digitale: come attore il cui compito è quello di creare un framework favorevole in cui le imprese del settore continuino a crescere: per esempio aprendo i dati pubblici e mettendoli a disposizione di sviluppatori di app, allargando al massimo la disponibilità di una connessione wireless e sostenendo l’integrazione del mercato unico.

La ricerca si basa sui dati del sondaggio condotto da VisionMobile da aprile a maggio 2013 (in cui hanno votato più di 6.000 “stakeholders” in tutto l’ecosistema app tra cui sviluppatori, designer CTO, manager, ecc.) e rileva, in particolare, un divario molto ampio tra i paesi europei occidentali e quelli orientali, dove i primi dominano in fatto di smartphone e consumo di app.

Inoltre, nonostante i dati molto positivi, mette in guardia l’Europa segnalando come la app economy mondiale sia destinata a crescere a un ritmo più veloce dell’EU28 a causa della rapida adozione di smartphone nei mercati emergenti come Asia, America Latina e anche Africa. Per questo sarebbe opportuno, per rafforzare la sua competitività, includere più flessibilità nel mercato del lavoro, passare a reti mobili più veloci ed essere “più agile” nel prendere decisioni politiche.

Sul punto reti, la Kroes ha annunciato che a breve rilascerà un pacchetto di misure con cui la CE intende unificare le reti europee di telecomunicazioni per cercare di abbattere la frammentazione e creare così un mercato unico e dinamico.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: