Agenda Digitale / Blogger / Competenze Digitali / Egovnews / in evidenza / Innovazione / Marketing / Opengovernment

Entro il 30 settembre la CiVIT valuta la trasparenza delle PA italiane

Entro il 30 settembre la CiVIT valuta la trasparenza delle PA italiane
2 minuti di lettura

Con la delibera 71/2013 dello scorso 1° agosto la CiVIT ha previsto la pubblicazione, entro il 30 settembre, di alcune informazioni sui siti istituzionali, con relativa verifica degli OIV: nell’ottica di uno “spirito di gradualità”, la Commissione ha previsto che gli Organismi Interni di Valutazione (OIV) attestino (tramite pubblicazione sul sito istituzionale di un apposito Documento di Attestazione allegato alla delibera 71/2013) l’effettivo assolvimento dei seguenti obblighi di pubblicazione

a) dati relativi alle società partecipate dalle pubbliche amministrazioni;
b) pagamenti dei debiti scaduti della pubblica amministrazione maturati al 31 dicembre 2012;
c) procedimenti amministrativi (dati di cui all’art. 35, c. 1, lett. c), f), m) e d) del d.lgs. n. 33/2013);
d) servizi erogati agli utenti;
e) informazioni relative alla modalità di accesso civico.

Nella medesima delibera sono riportate le forme di controllo e vigilanza previste:

  • Attività diretta (verifica da parte di CiVIT della presenza dell’attestato e dell’effettiva veridicità dell’attestato stesso su un campione di amministrazioni, selezionato secondo criteri che la CiVIT renderà noti successivamente);
  • Attività indiretta (verifica da parte di CiVIT a seguito di eventuali segnalazioni ricevute da parte del Responsabile della trasparenza o da privati cittadini);
  • Controllo documentale (effettuato dalla Guardia di Finanza su un campione casuale di amministrazioni, che riscontrerà l’esattezza e l’accuratezza dei dati attestati dagli OIV).

Il controllo rappresenta la penultima fase del processo organizzativo previsto dalla normativa, che dovrebbe garantire l’effettiva osservanza degli obblighi di legge da parte delle amministrazioni. L’ultimo gradino dovrebbe essere rappresentato, in caso di inadempienza, dall’applicazione delle sanzioni previste.

Le forme di controllo sono differenti nelle modalità e negli attori che le attuano e dovrebbero fornire, nell’ottica della norma, un adeguato deterrente in grado di garantirne la sua effettiva osservanza.

Fra gli obblighi previsti per il prossimo 30 settembre il più gravoso è sicuramente quello della pubblicazione delle informazioni relative ai procedimenti amministrativi: oltre ai dati del responsabile del procedimento e delle tempistiche procedimentali, si prevede un controllo sui relativi atti e documenti da presentare in caso di istanza di parte.

La mappatura dei procedimenti di un ente è un compito molto impegnativo, che coinvolge tutti gli uffici e richiede molto tempo. La richiesta della CiVIT e dello stesso D. Lgs. 33/2013 non è comunque improvvisa o sorprendente: tale obbligo era già sancito nell’art. 54 del Codice dell’Amministrazione Digitale dopo la sua revisione attuata con il D. Lgs. 159/2006. L’articolo è stato poi modificato proprio dal D. Lgs. 33/2013, che ha attuato il riordino degli obblighi di pubblicazione.

Un obbligo che per la  maggior parte delle pubbliche amministrazioni è rimasto disatteso per parecchi anni, su cui la CiVIT ha voluto dare una brusca sterzata. Vedremo se sarà la volta buona.

Foto del profilo di Aldo Lupi
Mi chiamo Aldo Lupi. Faccio parte di quella categoria di persone che non sono ancora riuscite a spiegare alla propria madre che lavoro fanno. Mio padre pensa che io risolva problemi, come Wolf di Pulp Fiction. In senso lato, credo che questo descriva abbastanza precisamente il mio perimetro di azione. Forse posso chiarire meglio le idee con una breve descrizione del mio percorso accademico e professionale. Nasco ragioniere (poteva andar peggio, eh). Nel 1998 mi laureo in ingegneria informatica automatica con una tesi in robotica. Inizio subito a lavorare come operation manager per la divisione italiana di una multinazionale francese, Atos Multimedia. Un’attività che mi permette di coniugare gli aspetti strettamente tecnici con quelli organizzativi: così, mentre approfondisco le mie conoscenze sistemistiche, affino le mie qualità di problem solving e di gestione organizzativa. Dal 2001 al 2003 svolgo il ruolo di coordinatore dell’Area Sistemi di I-Side srl, web agency spcializzata nel campo delle community. Nel 2003 comincio ad occuparmi di consulenza ICT per il mondo pubblico e privato: partendo come responsabile EDP di alcuni Comuni nell’area milanese, amplio il mio raggio d’azione passando alla progettazione e gestione di sistemi complessi sul territorio nazionale. Fra le tematiche che mi appassionano di più ci sono la sicurezza dei dati, la dematerializzazione documentale e la comunicazione nell’ente pubblico: agli aspetti tecnici riesco ad affiancare una robusta base normativa e una buona capacità di analisi dei processi organizzativi. Mi occupo di consulenze su queste (e altre) tematiche per conto di diversi enti ed aziende di dimensioni nazionali, per cui talvolta svolgo anche delle docenze. La finalità di questo blog è quella di raccogliere i miei articoli più interessanti pubblicati su alcune testate on line, oltre ad alcuni pensieri e considerazioni che talvolta elaboro sulla base delle mie esperienze sul campo. Spero possano esservi utili.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>