Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Apps & Mobile / in evidenza / Marketing / Prodotti e aziende

Il Nexus 4 a 199 euro ha un rapporto qualita’ – prezzo da urlo: Google ci prova

Il Nexus 4 a 199 euro ha un rapporto qualita’ – prezzo da urlo: Google ci prova
3 minuti di lettura

Tutti a caccia di Nexus 4? Mah, boh, dipende. Non è che ci sia molta convinzione, anche se effettivamente il prodotto di Google e LG è quanto di più vicino allo smartphone low cost di qualità discreta sia disponibile in circolazione. Ovviamente ovunque, ma non Italia, o almeno non per ora.

Google ha infatti annunciato un taglio di prezzo del 25% per il Nexus 4, a seguito del quale il telefono può essere acquistato a 199 dollari nella versione con 8 GB e a 249 dollari per quella 16 GB. A seguito del ribasso nel negozio statunitense, con un tweet è stato confermato che il nuovo prezzo è disponibile anche in Australia, Canada, Corea, Regno Unito, Spagna e Germania. Ma in Italia no, per cui, se volete, non vi resta che l’e-commerce di qualsiasi generazione.

C’è però anche un’altra news: oltre allo sconto, Google ha annunciato che rimborserà 100 dollari a tutti coloro i quali hanno comprato un Nexus4 a partire da agosto 2013, per non incappare in polemiche e in cadute di stile da parte dei clienti ‘sfortunati’ che, per questione di giorni, non hanno beneficiato dello sconto (saranno contenti quelli che l’hanno acquistato il 31 luglio…).

Più precisamente, chiunque abbia acquistato un Nexus 4 su Google Play a partire dal 12 agosto potrà ricevere un rimborso di 100 dollari che sarà valido per le versioni da 8 e da 16Gb e chi è interessato a tale rimborso (ovviamente tutti) dovrà richiederlo entro 15 giorni a partire da oggi (pena il non rimborso).

Tornando allo sconto, si tratta del 33% in meno rispetto ai 299 dollari/euro richiesti finora. Ma, è chiaro, a livello di impatto la scelta strategica di Google su Nexus 4 è proprio abbattere la soglia psicologica dei 200 dollari, che rappresenta la linea di demarcazione tra gli smartphone low cost e gli altri.

Non solo, però: per chi non lo sapesse, negli States iPhone 5, Galaxy S4, Htc One, BB Q10 si pagano 199 dollari, si, ma per due anni di contratto obbligatori. Nel caso del Nexus 4 invece si tratta di un prodotto sbloccato, senza vincoli di sorta. Un’offerta che comunque per gli esperti del settore non dovrebbe spostare più di tanto gli equilibri di vendite negli Usa, dove la stragrande maggioranza dei clienti continua e continuerà a scegliere smartphone vincolati a un operatore.

Però, in Europa, chissà. Del resto i 199/249 euro sono circa un terzo del prezzo richiesto per i top di gamma (dall’iphone al Galaxy di ultima generazione, siamo sui 600 euro per prodotto sbloccato da contratto): il Nexus 4, seppur non paragonabile ai Melafonini e allo smarpthone Android di riferimento, adesso ha un rapporto qualità/prezzo probabilmente insuperabile.

L‘unico difetto del Nexus 4 resta la memoria interna espandibile, che non c’è. Cioè al massimo si possono avere a disposizione 16 GB, anche se si avesse qualche scheda microSD recuperata da qualche altro telefono. La fotocamera, invece, scatta foto soddisfacenti, anche se non la si può allineare a quella degli smartphone di alta fascia.

Per il resto, pare ci sia solo da guadagnarci:  l’utente riceverà sempre per primo gli aggiornamenti del sistema operativo Android per un periodo minimo di due anni; inoltre potrà contare su un’esperienza d’uso totale della piattaforma di Google.

Tecnicamente parlando, il Nexus 4 è dotato di uno schermo a 4,7 pollici HD, SoC Qualcomm Snapdragon S4 Pro quad core con GPU Adreno 320, 2 GB di RAM, rete HSPA, connettività NFC, batteria ai polimeri di litio 2100 mAh, fotocamera principale a 8 Mpx con flash e registrazione video Full HD e secondaria a 1,3 Mpx. Ora, non ci resta che attendere e capire se neppure questa mossa servirà a scalfire il dominio planetario di Apple e Samsung.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register