Pubblica amministrazione tra fordismo e agenda digitale: e’ ora di delegificare!

Scritto da:     Tags:  , , ,     Data di inserimento:  27 agosto, 2013  |  Nessun commento
27 agosto, 2013
pa_fordismo

Visite: 1458

Continuo a ritenere che l’organizzazione della pubblica Amministrazione sia improntata al fordismo. Anzi, la pubblica amministrazione italiana è l’ultima espressione del fordismo: continuo anche ritenere che l’agenda digitale per quanto avanzata possa essere rimarrà inapplicata che se non si delegificano e non si cambiano i modelli organizzativi della pubblica amministrazione.

L’architettura dei software gestionali nella pubblica amministrazione, è plasmata secondo la struttura organizzativa “fordista”, riproducendo e codificando la separatezza tra i diversi settori. In questo modo i software non aiutano il sistema ad esprimere organicità, non godono delle necessarie integrazioni.

Ogni forma di integrazione sembra impossibile, o è enormemente difficoltosa nella sua realizzazione poiché incontra ostacoli burocratici (la resistenza di chi difende la titolarità e il primato del “suo” software, la proprietà del “suo” database) o strutturali (software progettati secondo logiche diverse). Un server, secondo questo schema, è il luogo dove si sommano e non si integrano le diverse componenti della rete informatica dell’Ente.

Provate a confrontare questo processo, i suoi tempi, i suoi riti, le sue regole, la sua “verticalità”, l’autolegittimazione di ogni parte della sua struttura (indipendentemente dall’importanza effettiva che oggettivamente dovrebbe assumere) con la logica della novecentesca catena di montaggio, con la cultura fordista, con il taylorismo.

Non stiamo assistendo a un bel tuffo nel passato? Siamo a ben prima della cultura organizzativa della “qualità totale”.” Nei prossimi giorni pubblicherò un ebook “Una scommessa da vincere” dove affronterò questo ed altri problemi. A presto!!!! Naturalmente raccomando di comprare il mio libro “Smart Cities-Gestire la complessità urbana nell’era di Internet”.

Smart Cities

Smart Cities


Vianello Michele , 2013, maggioli editore

Internet sta cambiando le nostre città, innovando in modo dirompente ormai ogni ambito dell'organizzazione e della vita cittadina. Tuttavia le Governance locali e le persone non ne sono del tutto consapevoli e subiscono l'innovazione piuttosto che trarne tutti i benefici economici e sociali...


24,00 € 21,60 € Acquista

su www.libreriaprofessionisti.it


Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: