Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Aziende / Blogger / E-commerce / Innovazione / Marketing / Strategia / Turismo 2.0

Anche in Italia il turismo e’ sempre piu’ 2.0

Anche in Italia il turismo e’ sempre piu’ 2.0
2 minuti di lettura

Il turismo è un settore in costante evoluzione ed è un dato di fatto che ormai sempre più persone utilizzino internet per cercare voli per Tenerife o trovare hotel a buon prezzo, facendo tutto comodamente da casa, senza passare da agenzie di viaggi. La cosa permette sicuramente di risparmiare e regalarsi così vacanze anche in tempi di crisi, ma la cosa sta avendo il suo peso proprio nelle agenzie di viaggio, che stanno vedendo calare continuamente i loro utili, al punto che alcuni li considerano come appartenenti alla preistoria del turismo.

Un ultimo sondaggio condotto da Confesercenti-Swg, ha evidenziato come quasi la metà degli italiani (46%) quest’estate ha prenotato le vacanze da solo, tramite Internet o il telefono, senza passare da un’agenzia di viaggio e che solo l’11 per cento si rivolgerà a un’agenzia o a un tour operator. Peggio ancora i dati di dell’Osservatorio nazionale sul turismo, visto che solo l’8% dei turisti è entrato in un’agenzia nell’estate scorsa. Si tratta approssimativamente di una riduzione del volume d’affari del 25%, equivalenti a tre miliardi di euro.

Le perdite non derivano solamente dalla facilità con cui oggi si possono trovare offerte voli su internet, visto che 2 di questi 3 miliardi di perdite sembrano provenire da movimenti non dichiarati e dunque in nero che si traduce peraltro in un mancato pagamento dell’IVA di 382 milioni di euro e oltre 19 mila posti di lavoro in nero o non imputabili al settore.

Amalio Guerra, presidente di Assoviaggi, ha dichiarato che quest’anno si sta registrando una riduzione delle imprese totale che va dal 5 al 10 per cento e il tutto senza contare il mondo dell’abusivismo, visto le numerose parrocchie, onlus o associazioni che organizzano viaggi, senza però essere imprese turistiche soggette alle norme del settore. Rispetto al passato il budget per un vacanza è molto calato per la crisi e l’euro, visto che oggi si arriva a spendere mediamente 500-600€, con punte massime di 1000€.

Il voler impiegare internet piuttosto che le agenzie di viaggio, non riguarda naturalmente solo l’Italia, visto che ad esempio solo il 7 per cento degli inglesi si è rivolto alle agenzie di viaggio fisiche. I vari siti con pacchetti vacanza, sono oggi molto più sicuri che in passato e la facilità con cui è possibile utilizzarli, non ha fatto altro che spingere le fasce di consumatori anche meno avvezze alle tecnologia, a puntare a internet per le proprie vacanze.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Foto del profilo di Alfredo Cannatella
News provider

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register