Blogger / Eventi / in evidenza / Informazione / Innovazione / Marketing / Smart City / Social Innovation / Strategia

Smart City – Smart Communities, al via una nuova laurea magistrale

Smart City – Smart Communities, al via una nuova laurea magistrale
3 minuti di lettura

Si tratta di un nuovo percorso formativo di secondo livello presso l’Università Iuav di Venezia in modalità interateneo con l’Università degli Studi di Palermo e con un importante partenariato extra-accademico

Innovazione Tecnologica e Design per i Sistemi Urbani e il Territorio” è il titolo del nuovo corso di laurea magistrale promosso dall’Università Iuav di Venezia e L’università degli Studi di Palermo che formerà progettisti ed esperti di soluzioni innovative per le Smart City.

Smart City oggi non è un concetto dai contorni univoci e condivisi; esso si modella diversamente in ragione di una pluralità di pratiche sviluppate in varie città italiane, europee ed extraeuropee orientate all’innovazione sia metodologica sia tecnologica nei processi e le dinamiche che si sviluppano nelle realtà urbane.

Smart City fa di fatto riferimento ad una pluralità di iniziative e progetti sui versanti business, della ricerca e della ricerca applicata e ad un robusto repertorio bibliografico. Se intendiamo la Città intesa come Sistema di Sistemi (abitativo, mobilità, servizi, cultura, energia, sicurezza, ambiente ecc.) per Smart City possiamo intendere la rete di interazione tra questi, supportata da un flusso reciproco di informazioni sostenute dalle risorse ICT.

Lo sviluppo di progetti e iniziative di ricerca in questo ambito è orientato a innovare servizi ai cittadini e alle imprese in una prospettiva di trasparenza, multiattorialità, partecipazione attiva e informata nei processi decisionali, ecosviluppo e democrazia, in particolare per quanto riguarda nuove modalità di dialogo e cooperazione tra Pubblica Amministrazione e segmenti delle comunità locali. Si tratta di fatto di un contesto caratterizzato anche da forti impulsi che derivano da azioni UE con origine da Europa 2020, dall’Agenda Digitale europea e nazionale oltre che da una serie di call promosse dal MIUR che a queste iniziative attribuiscono un ruolo strategico per lo sviluppo del Paese.
Per queste ragioni l’Università Iuav di Venezia e l’Università degli studi di Palermo, in partenariato con ISPRA Ambiente, Coldiretti Veneto, VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia, Engineering Ingegneria Informatica, Vitrociset SpA, Corvallis SpA, ARPAV, eAmbiente Srl, Università di Roma La Sapienza, Réseau Méditerranéen des Ecoles d’Ingénieurs ha varato uno specifico percorso di formazione e ricerca sui temi delle Smart City/Smart Communities, mirato ad approfondire i temi legati all’innovazione, nello scenario europeo e nazionale.

Il partenariato ibrido Università/Imprese/Istituzioni consente di integrare sensibilità, culture e modelli organizzativi propri della componente accademica con quelli dell’impresa e delle grandi istituzioni che hanno responsabilità nella gestione e governo delle città, del territorio e dell’ambiente; esso offre nuove competenze e strumenti efficaci a giovani laureati, tecnici e professionisti, inseriti in contesti di impresa o nelle strutture pubbliche, migliorando la capacità di ognuno di sviluppare iniziative e progettualità innovative sui temi della città, del territorio e dell’ambiente.

La laurea magistrale è erogata nel formato ibrido cosi come definito dalla vigente normativa, ovvero può essere frequentata in parte a contatto e in parte a distanza, grazie a corsi multimediali e interattivi via Internet, accessibili dalla piattaforma di e-learning.

La didattica prenderà avvio il prossimo 6 novembre a Rimini nel contesto di ECOMONDO, la Fiera Internazionale della Green Economy. Presso il padiglione Città Sostenibile dedicato alla Via Italiana alle Smart Cities (sala Agorà ore 12), verrà inaugurata la prima edizione del corso di laurea cui seguirà un ciclo di lezioni introduttive sui diversi temi che caratterizzano il progetto formativo.

La preiscrizione può essere effettuata fino al 20 agosto 2013.
Tutte le informazioni e i dettagli su www.laureasmartcityiuav.info o via mail a info@laureasmartcityiuav.info

 

Foto del profilo di Gianluigi Cogo
Da anni facilita i processi che sfruttano le nuove tecnologie e diffonde cultura digitale nella Pubblica Amministrazione. In rete dai primissimi anni ‘90, a Venezia fonda la prima rete civica ‘Venice On-Line’ e poi il primo portale cittadino: ‘Venezia.Net’. Verso la fine degli anni ’90, assieme ad altri colleghi, crea il primo network dei Comuni della Provincia di Venezia ‘Polo Est’ e, infine, uno dei primi social network italiani: ‘Networkingitalia.it’. Presso la Regione Veneto (dove ora ha la responsabilità della Community Network inserita nella struttura di e-government) crea la prima rete intranet basata su workspace e dinamiche 2.0. Sviluppa, insieme ad altri colleghi di diverse regioni italiane, Ritef, la ‘rete delle regioni per l’e-learning’ ed è fin dai primi anni 2000 uno dei protagonisti del Cisco Networking Academy in Italia. Attualmente svolge consulenze per Università, Centri di Formazione Pubblici e Privati e Ministeri, per divulgare le dinamiche e i valori della ‘collaborazione e della partecipazione’. E’ docente presso la Facoltà di Informatica dell’Università Ca Foscari di Venezia del corso ‘Social media e smart apps’, Presidente di Assint (Associazione per lo sviluppo dell’innovazione e delle nuove tecnologie), è stato anche Segretario Generale dell’Associazione Italiana per l’Open Government, Componente del Comitato Scientifico della rivista Egov, membro dell’esecutivo dell’Istituto per le Politiche dell’Innovazione, fondatore/animatore della rete degli innovatori della pubblica amministrazione, consulente di FormezPA e molto attivo con il suo blog: http://webeconoscenza.net/. Ha ideato e promosso il primo Barcamp degli innovatori della Pubblica Amministrazione e collabora come docente e curatore scientifico per master e corsi sull’e-government 2.0 e sull’Enterprise 2.0. Scrive su diverse riviste del settore e ha pubblicato i libri: ‘La cittadinanza digitale’ , ‘I siti web delle Pubbliche Amministrazioni’ e ' I Social Network nella PA'.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>