Apps & Mobile / Aziende / in evidenza / Innovazione / Marketing

L’iPhone 5C, ovvero l’iPhone low cost, e il mistero delle custodie in policarbonato

L’iPhone 5C, ovvero l’iPhone low cost, e il mistero delle custodie in policarbonato
2 minuti di lettura

Per ingannare l’attesa del più avveniristico iPhone dotato di schermo tattile in grado perfino di rilevare le impronte digitali, sul web si stanno diffondendo in queste ore le immagini dell’attesissimo iPhone low cost: si chiamerà – sempre che non si tratti di un fake – iPhone 5C.

Sul sito WeiPhone  – già in passato fonte non sempre attendibile di notizie inedite sull’azienda di Cupertino – è stata pubblicata infatti la foto di una cesta contenente le confezioni in cui il prodotto dovrebbe essere venduto e su cui – appunto – compare nitidamente (nel nuovo carattere Helvetica Neue Ultra Light) la scritta iPhone 5C.

Perche’ iPhone 5C?

La C sta molto probabilmente per “color” e non per “cheap” come si è letto altrove: sarebbe infatti una dichiarazione troppo esplicita della “debolezza” del prodotto. Si tratta pur sempre di un oggetto  targato Apple…
Mentre la parola “color” si riferirebbe chiaramente alle nuove scocche colorate di cui già avevamo dato un’anticipazione.
Inoltre, come si legge su www.macitynet.it, l’apparentamento dei due iPhone nel nome potrebbe essere la ragione per cui, secondo alcune recenti voci, Apple avrebbe deciso di cancellare dal suo listino l’iPhone 5, contrariamente a quando accaduto in passato quando al lancio di un nuovo modello quello vecchio rimaneva in vendita. Tre modelli di iPhone 5 potrebbe essere considerati troppi per le abitudini della Mela. Si potrebbe anche ipotizzare che usare il nome iPhone 5C consentirebbe ad Apple di spostare verso l’alto il prezzo del cosiddetto iPhone low cost, collocandolo non sotto l’iPhone 4S ma sopra in fatto di prezzo. A questo punto il low cost, il modello che Apple userà per combattere i telefoni mid range della concorrenza, potrebbe essere invece proprio l’iPhone 4S.

Le cover dell’iPhone 5C secondo il sito francese Nowhereelse

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Il mistero delle custodie

La cosa che appare strana – e che potrebbe avvalorare l’ipotesi di un fake – è il fatto che le custodie sono in policarbonato, quindi molto meno economiche delle attuali scatole in cartone e soprattutto meno sostenibili da un punto di vista ambientale.
Tra l’altro ricordano molto quelle dell’iPod touch di quinta generazione, che sono chiuse da un coperchio trasparente che permette di vedere il colore del device. Potrebbe essere così quindi anche per il nuovo smartphone di Cupertino, tanto economico il telefono quanto costosa sarebbe la scatola per contenerlo. Un po’ strano no?!
Ma per vedere se si tratti della vera confezione dell’iPhone low cost oppure di un clone cinese dovremmo aspettare l’autunno. Per ora godiamoci l’estate 😉

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>