Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Competenze Digitali / Egovnews / in evidenza / Innovazione / Marketing / Open Data / Open Source / Opengovernment / Strategia

Anagrafe Biblioteche Italiane: pubblicati i Linked Open data

Anagrafe Biblioteche Italiane: pubblicati i Linked Open data
1 minuti di lettura

Sono stati pubblicati i Linked Open Data relativi all’Anagrafe delle Biblioteche italiane. L’ICCU, l’Istituto Centrale per il Catalogo Unico, del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, ha pubblicato come dati aperti le informazioni dell’Anagrafe delle Biblioteche italiane.

I dati dell’Anagrafe sono accessibili, insieme ad altri set di dati aperti, tramite uno SPARQL end-point in daticulturaitalia.it, un progetto pilota collegato al portale CulturaItalia che sta gradualmente implementando una sezione specifica dedicata ai LOD-Linked Open Data.

Pubblicare dati dell’Anagrafe delle Biblioteche (http://anagrafe.iccu.sbn.it) in LOD significa metterli a disposizione di un’ampia rete culturale in formato RDF, strutturati con uno standard interoperabile (in questo caso il CIDOC-CRM) in grado di permettere alle macchine di elaborare i dati e realizzare collegamenti più efficaci tra questi e altre risorse Web. I dati dell’ABI sono linkati ad altri set di dati come ad esempio i record delle risorse digitali di Internet Culturale, del Polo museale fiorentino e di altri cataloghi aggregati da CulturaItalia, oltre ai dati del VIAF, The Virtual International Authority File e di Geonames.

Per l’ICCU si tratta di un primo, importante risultato, che fa parte di una più ampia politica recentemente avviata dall’Istituto sui LOD e sviluppata mediante una serie di progetti, che porteranno ad un progressivo incremento dei set di dati aperti, intesi come ‘beni comuni digitali’, a favore della condivisione e del riuso dei dati per una sempre più ampia valorizzazione del patrimonio culturale italiano.

L’ICCU è infatti impegnato in ricerche, progetti e iniziative sia in ambito nazionale che internazionale, per la condivisione di standard, licenze e procedure mirate a diffondere e condividere il patrimonio culturale attraverso le tecnologie digitali: partecipa, con CulturaItalia, allo sviluppo del portale culturale europeo www.europeana.eu, che aggrega dati messi a disposizione da vari portali nazionali e da altri aggregatori europei e li rende disponibili in LOD. oltre a coordinare, tra l’altro, il progetto europeo Linked Heritage, che sta sviluppando strumenti terminologici multilingue per l’arricchimento semantico dei dati.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register