Talenti digitali, la squadra italiana conquista una medaglia d’oro e due di bronzo alle Olimpiadi Internazionali di Informatica

Scritto da:     Tags:  ,     Data di inserimento:  21 luglio, 2013  |  Nessun commento
21 luglio, 2013
internet-scuola

Visite: 1502

Risultato di altissimo livello per la squadra italiana che ha difeso i nostri colori alle Olimpiadi Internazionali di Informatica 2013: abbiamo ottenuto una medaglia d’oro e due medaglie di bronzo nella competizione, che ha coinvolto 302 studenti fra i 14 ed i 20 anni provenienti da 80 paesi del mondo.  Lo hanno comunicato AICA, Associazione italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico,  e il MIUR, che si occupano insieme delle Olimpiadi nel nostro paese.

Federico Glaudo, neo diplomato del liceo Scientifico  A. Righi di Roma, ha vinto la medaglia d’oro con un piazzamento di eccellenza: il nono posto assoluto nella classifica.
Matteo Almanza, del Liceo Scientifico Labriola di Roma e  Davide Pallotti, del Liceo Copernico di Bologna hanno ottenuto ciascuno una medaglia di bronzo. Mancata di un soffio, per una sola posizione, la terza medaglia di bronzo per Gabriele Farina, del Liceo Copernico di Brescia.

Alle Olimpiadi Internazionali di Informatica le medaglie sono vinte per fasce di punteggio, per questo ne vengono assegnate  più di una per ogni livello.

Avere un oro ed entrare nella top ten significa essere in compagnia di giovani provenienti da nazioni che storicamente investono molto più dell’Italia sulla formazione scientifica e sulle discipline matematiche. Accompagnare poi questo risultato eccezionale con due medaglie di bronzo è un segnale chiaro del valore del talento individuale di questi ragazzi, che sono stati scelti in più fasi di selezione fra migliaia di altri ragazzi che hanno partecipato alle fasi scolastiche, regionali e nazionali delle Olimpiadi di Informatica; ed è anche conferma del valore dell’impegno formativo importante offerto loro dalla squadra di Allenatori e Tutor olimpici che ha permesso loro di arrivare a questi livelli, afferma orgoglioso Giulio Occhini, il Direttore di AICA.

Il risultato di quest’anno ci galvanizza e ci spinge a impegnarci ancora di più per fare in modo che il nostro paese capisca la necessità di investire sul futuro di tutti i nostri ragazzi, offrendo loro una formazione digitale allineata con la realtà in cui oggi viviamo e lavoriamo così da aprire loro grandi opportunità: come dimostra l’esempio di tanti giovani ex-olimpici che oggi sono ricercatori, docenti, manager di importanti realtà del settore.

Gli fa eco Carmela Palumbo, direttore generale per gli ordinamenti scolastici del MIUR.

I risultati di Federico Glaudo, Matteo Almanza e Davide Pallotti ci fanno gioire e ci rendono veramente orgogliosi.  Questi ragazzi sono degli assoluti talenti, ma crediamo che il loro splendido risultato olimpico sia stato reso possibile da una sempre migliore organizzazione delle fasi nazionali e delle attività di sensibilizzazione delle scuole.
Nel prossimo anno scolastico sarà avviata un’azione di formazione dei docenti così da permettere l’allargamento della base di partecipazione alle olimpiadi da parte delle scuole. L’obiettivo è quello di accreditare l’apprendimento dell’informatica fra i nostri giovani come ormai avviene in tutti i Paesi più avanzati.

Dopo l’edizione 2013, il medagliere italiano alle Olimpiadi Internazionali di Informatica – competizione cui l’Italia partecipa da dodici anni, si fa ancora più ricco: in tutto sono state vinte 36 medaglie – due ori, 12 argenti e 23 bronzi.
L’appuntamento per le prossime Olimpiadi Internazionali di Informatica è per luglio 2014 a Taipei, in Taiwan.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: