Agenda Digitale / Apps & Mobile / Egovnews / in evidenza / Innovazione / Marketing / Opengovernment / Social Media / Start Up

Comuni-Chiamo vince Social App Italia: come si migliora la vita dei cittadini

Comuni-Chiamo vince Social App Italia: come si migliora la vita dei cittadini
2 minuti di lettura

E’ una giovane startup bolognese, Comuni-Chiamo, la vincitrice di Social App Italia. La competition, ideata dall’associazione Italian Business & Investment Initiative Youth dell’Università Bocconi, nasce per premiare il miglior progetto di ‘app’ ad elevato impatto sociale.

La prima edizione si è conclusa lo scorso 30 maggio a Milano. Il progetto presentato da Comuni-Chiamo per migliorare il rapporto tra cittadini e pubbliche amministrazioni è stato selezionato tra 177 partecipanti da un comitato di valutazione indipendente composto da professori, venture capitalists, giornalisti, manager ed esperti. In palio tutto il supporto necessario per migliorare ulteriormente le App di Comuni-Chiamo, consulenza manageriale avanzata e una borsa di studio per la Startup School di Mind the Bridge a San Francisco per portare Comuni-Chiamo oltre oceano.

Un risultato niente male per una società nata da meno di due anni dall’idea quasi “rivoluzionaria” di quattro studenti dell’Università di Bologna: innovare la gestione della Pubblica Amministrazione e il suo rapporto con i cittadini.

Nasce così Comuni-Chiamo, piattaforma online ideata per facilitare la comunicazione tra cittadini e Amministrazione comunale e favorire la risoluzione dei problemi nelle città. Attraverso questo servizio i cittadini possono segnalare in tempo reale al Comune le problematiche che riscontrano nella vita di tutti i giorni, richiedere l’intervento ed essere costantemente informati sullo stato della propria richiesta.

Si può segnalare in pochi secondi da pc o da smartphone (attraverso un’applicazione disponibile per iOS e Android) ma non solo: Comuni-Chiamo permette infatti al Comune di inserire agevolmente anche le segnalazioni che arrivano via telefono, mail e sportello URP. Tutte queste segnalazioni vengono poi elaborate dalla piattaforma Comuni-Chiamo che grazie ad un algoritmo le elabora per aiutare il Comune ad individuare le priorità. Con Comuni-Chiamo il Comune può intervenire direttamente sui problemi che i cittadini ritengono più urgenti, risparmiare tempo e risorse, e fornire un servizio efficiente e tempestivo.

Ad oggi Comuni-Chiamo è presente in oltre 21 Comuni, da Trieste a Bagheria (Palermo), da Cornate d’Adda a Seborga (Imperia), e i dati statistici (visibili su www.comuni-chiamo.com) sono incoraggianti: lo utilizzano oltre 320 persone all’interno delle Amministrazioni comunali che hanno già risolto oltre 2.900 problemi, e questi dati sono in continua crescita.

Comuni-Chiamo ha idee precise per il futuro: continuare lo sviluppo della piattaforma per offrire sempre nuovi servizi alle Amministrazioni. Già oggi i Comuni possono, oltre a far segnalare i propri cittadini, raccogliere suggerimenti, fornire news, integrarsi con i social network e molto altro ancora.

Sempre più strumenti quindi per una Pubblica Amministrazione più efficiente, accessibile e vicina ai cittadini. “Facciamo fatica ad immaginarci un’Amministrazione che rimanga indifferente”, spiegano i ragazzi di Comuni-Chiamo dopo la vittoria. “La nostra, prima di una idea imprenditoriale, è una richiesta di buona amministrazione. Siamo cittadini, e abbiamo creato Comuni-Chiamo perché volevamo fare la nostra parte. Ora tocca alle Amministrazioni fare la loro.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>