Apps & Mobile / in evidenza / Innovazione / Marketing / Smart City

Google Maps per interni arriva anche in Italia: come non perdersi nei “non luoghi”

Google Maps per interni arriva anche in Italia: come non perdersi nei “non luoghi”
1 minuti di lettura

Oggi come oggi, se tra Google Maps free wifi ed app varie è molto improbabile perdersi in una metropoli, non lo è affatto in quelli che Marc Augè chiamerebbe i non luoghi: aeroporti, ospedali, centri commerciali…. Anzi, proprio perché privi di identità e di storia questi spazi si prestano molto di più allo smarrimento, e non solo a quello logistico.

Ti succede di perdere l’orientamento in un museo? Hai paura che tuo figlio – o tua moglie 🙂 – si perda tra le attrazioni di un parco divertimento? Big G vede e provvede: arriva anche in Italia, infatti, la navigazione di Google Maps per gli interni. Questa funzione consente di navigare dentro spazi coperti come centri commerciali, aeroporti, musei, hotel e direttamente dalle mappe del telefonino o del pc. In pratica, sfruttando la funzione di localizzazione già attiva su Google Maps e con la partnership di alcune strutture che hanno fornito la planimetria all’azienda di Mountain View, ci si può orientare anche al coperto.

Il British Museum

Tra le strutture che hanno aderito al progetto – di cui è possibile visualizzare la lista qui – ci sono gli aeroporti di Orio al Serio e Venezia Marco Polo, alcune stazioni ferroviarie come Torino Porta Nuova, l’Istituto Clinico Humanitas, il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, alcune strutture alberghiere Best Western e numerosi centri commerciali in tutta Italia.

Contestualmente a questa novità italiana, Google Maps ha aggiornato l’applicazione per Android. Tra le funzioni più interessanti c’è Esplora, per trovare luoghi attraverso le immagini e senza digitare una ricerca, e la Navigazione ottimizzata, grazie alla quale in condizioni di traffico Maps mostra automaticamente le vie più veloci per raggiungere la destinazione. A breve l’aggiornamento riguarderà anche l’iPhone.

Ulteriore novità è il pensionamento dal 9 agosto della funzione Latitude che serve a localizzare i propri amici. “Le modifiche sono per semplificare e alleggerire la vostra navigazione sulle mappe. Abbiamo integrato delle funzioni di localizzazione in Google+ per Android”, spiega Big G.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>