Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Blogger / Innovazione / Innovazione Sociale / Marketing / Smart City

Smart city: Dublino traccia la rotta delle vere citta’ intelligenti

Smart city: Dublino traccia la rotta delle vere citta’ intelligenti
3 minuti di lettura

L’articolo “A Dublino la ripresa economica parta dai Big Data e dalla smart city aperta e collaborativa” pone correttamente alla nostra attenzione un approccio all’uso del dato non fondato esclusivamente sull’esigenza di “trasparenza”.

La nostra attenzione viene richiamata sull’uso del dato come fonte di conoscenza e quindi come generatore di valore sociale ed economico. Dublino è una città disseminata di sensori. Trasporti, sanità, reti elettriche, ogni sottosistema oggi può essere monitorato. Fin qui nulla di nuovo. In teoria ogni città del mondo è già in grado potenzialmente di fare questo.

Ho più volte affermato che, contrariamente a quanto si è pensato, una città è sulla “via smart” non in base al numero dei sensori disseminati, o all’assemblaggio casuale di tecnologie IT, quanto piuttosto alla capacità di gestire, di assemblare, di ricavare significati e informazioni dai dati prodotti dai dialoghi tra esseri umani e tra esseri umani e oggetti (dell’argomento, peraltro, si parlerà a Rimini il prossimo 27 giugno).

D’altronde l’avvento di Internet of Things metterà sempre di più a disposizione delle governance cittadine infinite quantità di dati prodotte dai dialoghi tra oggetti ed esseri umani e oggetti. Dublino (anche grazie alla collaborazione di IBM) sembra incamminarsi su questa strada.

Non sfuggirà a nessuno che, se le governance cittadine avessero costantemente a disposizione una lettura dell’ambiente circostante fondata su una capacità interpretativa dei dati, si potrebbero creare le condizioni per “prevedere” e “simulare” scenari di sviluppo urbano sostenibile economicamente, socialmente, ambientalmente. Si potrebbero monitorare costantemente le politiche proposte, e ricevere in tempo reale i feedback dai city user.

Nel mio libro “Smart Cities-Gestire la complessità urbana nell’era di Internet” ho affermato: “La ‘Città intelligente’ è il luogo dove si utilizzano in modo sistematico ed organizzato i ‘dati’ e la conoscenza generati dall’uso  delle tecnologie I.C.T.. Non è sufficiente utilizzare in modo “smart” i sensori e i tablet, è necessario saper valorizzare i ‘dati’ generati dai sensori e dai tablet. Valorizzare i dati significa essere disponibili a condividerli per arricchirli attraverso un processo di generazione di ‘intelligenza collettiva‘. Dati ‘donati’, il social networking è una forma di donazione. Dati ‘ricevuti’, il web 2.0 è il sinonimo di scambio di conoscenza. Dati ‘assimilati’, i dati trattati correttamente sono una infinita fonte di ricchezza. Affiniamo ancora, la ‘Città intelligente’ è quell’area urbana dove le persone hanno a disposizione ‘conoscenza virtualizzata’ in modo diffuso grazie alla possibilità di connettersi a Internet“.

Vedo con grande piacere allora che si comincia ad andare in questa direzione. I dati assemblati intelligentemente (The Big Data) generano valore economico e sociale. Nella definizione di utilità sociale del dato dovremo però risolvere evidenti problemi legati alla privacy. Ciò che è successo in queste ore negli USA deve farci riflettere.

Come vedete allora lo scenario che ci si prospetta è ricchissimo di suggestioni e di opportunità. Si rafforza l’idea che la ripresa economica avverrà prima di tutto a partire dalle aree urbane. Tuttavia ci pone di fronte problemi inediti inerenti il rapporto che si instaura tra l’individuo e l’ambiente urbano “smart”. Il cantiere smart city è aperto, continuiamo a scavare.

ISCRIVITI AL CONVEGNO “LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE NELLE SMART CITY” (RIMINI, 27 GIUGNO)

 

Smart Cities

Gestire la complessità urbana nell’era di Internet

euro 24,00 (IVA assolta)

» Acquista Subito
» Scarica la prefazione di Luca De Biase

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Foto del profilo di Michele Vianello
Ex Direttore Generale di VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia, imprime una forte impronta di innovazione IT nel territorio veneziano e veneto, sperimentando e attuando, a favore della crescita tecnologica e della competitività delle imprese, modelli avanzati di sviluppo gestionale e organizzativo “Enterprise 2.0”, nuove modalità di marketing “Web 2.0”, le più avanzate soluzioni tecnologiche e piattaforme di eccellenza. La sua carriera politica ha inizio nel 1997 come Vice Sindaco nella sua città natale: Venezia. Deputato della Repubblica dal 2001 al 2005, rientra a Venezia, braccio destro del Sindaco Cacciari alla guida della città lagunare, fino a ottobre 2009. In quattro anni promuove un cambiamento radicale nell’organizzazione della macchina comunale e nell’interazione tra PA e cittadini, con l’adozione delle filosofie gestionali “Web 2.0” e “Amministrare 2.0”. E’ ideatore delle politiche del Comune di Venezia in materia di banda larga e connettività wi-fi: con il progetto “Cittadinanza digitale” ha reso Venezia la prima città d’Italia completamente digitale, con connessione Internet wi-fi gratuita per tutti i residenti nelle piazze, biblioteche e uffici pubblici; con il portale “Venice Connected”, che intermedia decine di migliaia di ordini, ha contribuito ad innovare la gestione dei flussi turistici della città. Numerose le relazioni, gli scritti e le interviste di natura specialistica rilasciate su riviste e quotidiani. Nel 2010 pubblica il libro “VE 2.0. Cittadini e libertà di accesso alla rete” edito da Marsilio Editori. Ad aprile 2010 è stato insignito del prestigioso premio nazionale “La città dei cittadini – Cineca Award 2010”, quale personalità che si è più distinta in Italia nello sviluppo di progetti che favoriscono la comunicazione tra Istituzioni e cittadini, in particolare nell’erogazione di servizi tramite le nuove tecnologie web.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register