Cosa accade in giro per l’Europa sul patrimonio informativo pubblico (PSI)

Scritto da:     Tags:  , , ,     Data di inserimento:  3 giugno, 2013  |  Nessun commento
3 giugno, 2013
psi

Visite: 4169

Da qualche mese sto seguendo con molta più attenzione cosa ci accade attorno sul tema PSI, ovvero sul riuso del patrimonio informativo pubblico, grazie anche al fatto di essere il corrispondente italiano della piattaforma europea epsiplatform.eu.

Nuova versione del sito epsiplatform.eu

Per chi avesse già visto il sito epsiplatform.eu, ha appena avuto un primo restyling funzionale: ne seguirà almeno un altro nei prossimi mesi, verso fine settembre. Lo scopo è quello di semplificarne la fruizione e migliorarne l’esperienza utente, oltre che renderlo molto più focalizzato sul tema patrimonio informativo pubblico. E permettere una maggior integrazione tra la comunità europea attorno al tema PSI.

Serve infatti una maggior coesione di insieme, ed un maggior racconto di quello che accade. Così si permette il riuso di pratiche, di conoscenze e di esperienze. Sono state aggiornate le sezioni dedicate alle news, quella dedicata agli eventi e quella relativa ai blog post degli utenti.

Dopo aver razionalizzato l’architettura informativa ed aggiornato il portale a Drupal 7, il prossimo aggiornamento vedrà la creazione di gruppi tematici per favorire pratiche e discussioni sul tema del riuso del patrimonio informativo pubblico.

Alcuni veloci spunti di riflessione

E’ utile segnalare alcuni dei fatti emersi negli ultimi mesi, che aiutano a dare un quadro più realistico di quello che il movimento Open Data europeo e le istituzioni stanno facendo:

Per rimanere sempre aggiornati sul tema PSI, vi consiglio di seguire l’hashtag #ePSI su Twitter, che è il catalizzatore ufficiale sul tema a livello europeo, e la newsletter ufficiale della piattaforma, accessibile dietro l’iscrizione alla comunità.

Consiglio poi la lettura dei report tematici che approfondiscono molti temi chiave: è prevista l’uscita di un report al mese almeno fino a tutto il 2014.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: