Registro elettronico e voti on line: la scuola digitale secondo Ruckus Wireless

Scritto da:     Tags:  , , , ,     Data di inserimento:  30 maggio, 2013  |  Nessun commento
30 maggio, 2013
ruckus-wireless_scuola-digitale

Visite: 1596

A partire dal prossimo anno scolastico entrerà in vigore il tanto acclamato ma anche temuto registro elettronico per la scuola. Un passo quasi rivoluzionario per il mondo dell’istruzione che segna un punto di svolta verso la modernizzazione degli istituti scolastici. Promosso con la spending review,  il d.l.  n.95 del 2012 poi convertito in legge 135/2012, impone da settembre il registro delle presenze attraverso un supporto elettronico e le conseguenti comunicazioni con le famiglie e gli alunni via e-mail. Importanti i tagli dei costi previsti e gli obiettivi in termini di dematerializzazione oltre alle nuove scommesse tecnologiche che questo evento segna. In primis la necessità di dotarsi di connessioni wireless affidabili e sicure.

I nativi digitali sono più abituati a gestire un tablet piuttosto che carta e penna. È doveroso che le strutture dedite all’educazione si adeguino all’evolversi dei tempi portando la tecnologia all’interno della scuola. Si inizia con il registro elettronico che apre le porte a una trasformazione ben più incisiva che porterà a un sempre maggiore scambio di informazioni e contenuti attraverso strumenti digitali

ha affermato Michele Paparella, Managing Director di Ruckus Wireless in Italia, azienda leader nella fornitura di connettività Smart Wi-Fi.

Ruckus Wireless offre al mercato soluzioni ad hoc proprio per rispondere ai nuovi bisogni della scuola 2.0, che non si limitano al solo registro elettronico, ma a tutto il mondo mobile: smarphone, tablet, ecc.  Tutte le soluzioni Ruckus Wireless sono BYOD-ready: questo significa che in qualsiasi momento possono supportare e gestire la connessione sulla stessa rete di molteplici dispositivi Wi-Fi: semplice e integrato, permette di gestire in maniera efficiente la profilazione degli utenti, l’auto-provisioning dei dispositivi nonché le richieste di dati e l’ottimizzazione delle connessioni assicurando al contempo funzionalità di protezione molto elevate.

Diversi i progetti già implementati in tutta Italia, tra cui il Collegio Villoresi San Giuseppe di Monza che conta 110 insegnanti e circa 900 alunni dove, grazie alla creazione di una rete Wi-Fi, è stato possibile raggiungere importanti traguardi in tema di dematerializzazione e risparmi. In primis attraverso la digitalizzazione non solo del registro delle presenza, ma anche dei voti facilmente consultabili attraverso il sito della scuola nonché la realizzazione di un progetto pilota che ha sostituito i libri di 60 alunni con e-book fruibili attraverso netbook.

Lascia un commento