Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Blogger / in evidenza / Marketing

Uso eccessivo del mouse? E’ la nuova sindrome professionale da overuse

Uso eccessivo del mouse? E’ la nuova sindrome professionale da overuse
1 minuti di lettura

Si chiama ”sindrome pronatoria dell’arto superiore destro causata da tecnopatia procurata da ‘overuse’ mouse da computer”, la nuova malattia professionale riconosciuta come tale dalla sentenza della Corte d’Appello dell’Aquila lo scorso 14 febbraio e che coinvolge oramai milioni di lavoratori italiani. Un tempo eccessivo proni sulla tastiera di un computer, così come il movimento costante di un mouse, sono azioni che se ripetute quotidianamente ed in maniera prolungata possono infatti causare fastidiosi dolori tra braccio e spalla. Trattasi dunque di una vera e propria malattia professionale e che come tale è stata riconosciuta dalla sentenza della Corte d’Appello aquilana, la quale non essendo stata appellata in Cassazione dall’Inail è diventata a tutti gli effetti esecutiva, figurando il primo caso accertato in Italia.

A farne le spese una banca del pescarese. I giudici, confermando la sentenza di primo grado del Tribunale di Pescara, hanno riconosciuto che il contestatario, un lavoratore, dipendente della Caripe, impiegato di banca addetto alla “movimentazione titoli”, dopo essersi rivolto al patronato provinciale della Inca Cgil di Pescara, è risultato affetto dalla singolare “sindrome pronatoria” procurata, da come si legge in sentenza, “da ‘overuse’ da mouse da computer”. La consulenza tecnica d’ufficio in primo grado, dal momento che in secondo non è stata rinnovata, ha stabilito che “l’insorgenza di tale malattia è da ritenersi determinata da fattori ‘morbigeni’ cui il dipendente bancario è stato esposto nell’esercizio della sua abituale attività lavorativa”. L’Inca Cgil tramite la causa è riuscita a dimostrare ”in maniera incontrovertibile che l’uso abituale e ripetuto del mouse del computer espone al rischio di contrarre la citata tecnopatia”, così validando un proporzionale risarcimento al dipendente.

La vicenda, come commentato dall’Inca Cgil, assume particolare rilievo dal momento che, oltre a costituire un caso emblematico (come detto, il primo accertato in Italia) sembra tracciare una nuova linea d’incontro rispetto alle recenti esigenze di tutela dalle malattie professionali che possono essere causate dall’uso massivo delle nuove tecnologie, in modo peculiare dei computer. È stata la dottoressa Antonella Bozzi, consulente medico dell’Inca Cgil, a dimostrare l’incontrovertibilità, così come sostenuto dal sindacato, che l’uso abituale e reiterato del mouse del pc espone al rischio di contrarre la suddetta tecnopatia.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Foto del profilo di Letizia Pieri
Sono nata l’11 febbraio 1988 a Cesena, città nella quale oggi vivo. Dopo la laurea triennale in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l’Università di Bologna nel 2010, con una tesi sperimentale sul giornalismo d’inchiesta, ho conseguito la specializzazione in Scienze Criminologiche per l’Investigazione e la Sicurezza presso l'Università di Forlì. La scrittura rappresenta una passione da coltivare e rinforzare, oltrepassando il mero strumento divulgativo essa diventa per me una fonte imprescindibile di verità e libertà. Conciliare l’interesse per la società, la storia e la cultura, unitamente alle conoscenze acquisite in ambito giuridico-criminalistico, costituisce l’obiettivo che mi prefiggo con fermezza ed umiltà. Amo viaggiare e mettermi alla prova in settori anche tra loro molto differenti.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register