Blogger / Eventi / Informazione / Innovazione / Marketing / Strategia

Spazi di connessione. Tecnologie, politica, impresa.

Spazi di connessione. Tecnologie, politica, impresa.
3 minuti di lettura

Ciclo di incontri promosso dai Corsi di Laurea in Comunicazione del Dipartimento PolComIng dell’Università di Sassari

I Corsi di Laurea in Comunicazione del Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Sassari promuovono “Spazi di Connessione”, un ciclo di incontri con ricercatori, professionals ed esperti per discutere di tecnologie di rete e delle loro implicazioni per il mondo dell’impresa e della politica. L’obiettivo dell’iniziativa è riflettere sugli “spazi di connessione” tra tecnologia e società e, al tempo stesso, creare nuovi “spazi di connessione” tra l’università e attori del territorio. Oltre agli studenti universitari, l’iniziativa è infatti aperta alle imprese e a tutti i cittadini interessati.

Gli otto incontri si svolgeranno tra il 13 maggio e il 4 giugno, nelle aule del Dipartimento (http://www.scipol.uniss.it/) in Viale Mancini 5.

Aprirà l’iniziativa, il 13 maggio, Pierluigi Musarò (ricercatore presso l’Università di Bologna), che discuterà l’impatto dei siti di social network sulla tradizionale comunicazione centralizzata del turismo, descrivendo esperienze di crowdmapping e forme di turismo sostenibile (anche attraverso il caso di studio IT.A.CÀ migranti e viaggiatori. Festival del Turismo Responsabile). Il giorno successivo, il 14 maggio, si svolgerà l’incontro con Fabio Giglietto (http://larica.uniurb.it/nextmedia/), ricercatore presso l’Università di Urbino, che parlerà degli strumenti disponibili per “catturare” i dati sui social network sites (like, commenti, post, etc.) e dell’analisi di questi dati in relazione all’engagement politico e culturale.  Ospite del terzo incontro, il 15 maggio, sarà Michele Azzu  – co-autore de L’Isola dei Cassintegrati e giornalista de L’Espresso – che discuterà il problema della sostenibilità economica delle imprese mediali in rete (indipendenti e mainstream), anche sulla base dell’esperienza del blog “L’Isola dei Cassintegrati” (http://www.isoladeicassintegrati.com/), che nel 2012, dopo aver raccontato per due anni i problemi dei “naufraghi da lavoro” in Sardegna e in Italia, è diventato partner de L’Espresso. Il 16 maggio il quarto incontro è con Vincenzo Bernabei, Consulente di Brand Management, che parlerà di “shared brands”, ovvero dei processi di condivisione e – al tempo stesso – di distinzione su cui si fondano le identità di marca, e del ruolo che i nuovi territori digitali  – come Facebook, Twitter, Instagram, Google Maps, YouTube – hanno nella costruzione degli spazi di mercato: non come semplici moltiplicatori delle occasioni espositive, ma come ambienti di relazione in cui si attivano, intorno ai brand, processi di socializzazione riqualificata. Nel quinto appuntamento, il 17 maggio, Cristiano Fagnani, Communications Director Nike Italia, parlerà dell’uso delle piattaforme digitali e dei social media nelle esperienze sportive e, in particolare, del caso “Nike”.

I seminari riprenderanno il 27 maggio con Lorenza Parisi (Social Media Strategist) che descriverà  le strategie comunicative e di engagement nei social media attivate da “Il Gambero Rosso”, un’impresa editoriale leader nel settore enogastronomico. Settimo appuntamento, il 3 giugno, con Jacopo Pasquini (Consulente e formatore di comunicazione digitale, autore del blog Doctor Brand) che spiegherà come progettare e gestire applicazioni per il mobile marketing.
Il ciclo di incontri si concluderà il 4 giugno con l’intervento degli autori di “Mad in Italy” (http://madinitaly.mettiamocilatesta.it/), Giampiero Cito e Antonio Paolo. Il libro, edito da Rizzoli, offre quindici consigli per fare business in Italia, nonostante l’Italia: racconta storie di imprenditori “mad”, che hanno avuto il coraggio di investire nel nostro Paese, utilizzando le tecnologie per rivitalizzare settori che sono strategici anche per il territorio sardo, come la produzione viti-vinicola. Quest’ultimo incontro prevede la partecipazione di alcune imprese ad una tavola rotonda moderata dal giornalista Pasquale Porcu, esperto di enogastronomia.

Per ulteriori informazioni, si può contattare Alessandro Lovari, uno dei blogger di Pionero e ricercatore presso l’Università di Sassari, all’indirizzo email alovari@uniss.it.

Per scaricare la locandina degli incontri: http://scipol.uniss.it/sites/default/files/uploads/LocandinaSpazi_Connessione_def.pdf

Foto del profilo di Alessandro Lovari
È ricercatore a tempo determinato in Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi presso il Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Sassari. Laureato in Scienze della Comunicazione, indirizzo in comunicazione istituzionale e di impresa, presso l’Università degli Studi di Siena, ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Scienze della Comunicazione alla Sapienza Università di Roma. E’ stato visiting scholar presso il Department of Communication della Purdue University, USA, e intern presso la State University of New York a Stony Brook, USA. I suoi principali interessi di ricerca sono la comunicazione pubblica, la comunicazione universitaria, e le relazioni tra amministrazioni, media e cittadini, in particolare concentrandosi sul ruolo delle tecnologie digitali nel cambiamento dei modelli comunicativi. Studia anche le caratteristiche del Web 2.0 e dei social media e il loro impatto sui temi della salute, sulla comunicazione di impresa e i comportamenti dei pubblici. Dal 2003 svolge attività didattica presso diversi atenei italiani. E’ membro del Consiglio direttivo del Master in Comunicazione di Impresa dell’Università di Siena, ateneo per il quale è stato rappresentante della Task Force su Employability e Career Guidance del Coimbra Group. Tra le sue pubblicazioni “Comunicazione Pubblica 2.0” (Franco Angeli), “Comunicazione Pubblica Digitale”, “Dal Digital Divide ai Media Sociali”, e "Social Media Tourism" (Bonanno Editore).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>