E-democracy / Egovnews / in evidenza / Innovazione / Marketing / Social Media

Nasce PoliticalPeople, primo social network di incontro tra cittadini e politici

Nasce PoliticalPeople, primo social network di incontro tra cittadini e politici
4 minuti di lettura

Un dialogo trasparente tra politici e cittadini è alla base di una democrazia che si sposta sempre più sugli strumenti digitali: da questa premessa nasce PoliticalPeople, il primo social network che avvicina cittadini, politici e istituzioni in nome di un governo condiviso, fondato sulla trasparenza e sulla partecipazione.

Internet e social network hanno modificato il rapporto tra elettori ed eletti, tra amministrati ed amministratori. Ma non sempre l’evoluzione di questo rapporto ha prodotto risultati positivi.
“L’anonimato, gli pseudonimi, la facilità nello scrivere commenti attraverso un terminale ed una tastiera – spiega Luigi Povia, AD di Political People – hanno trasformato i social network generalisti in strumenti spesso più di attacco che di contenuto. Per questo abbiamo creato PoliticalPeople”.

PoliticalPeople è una piattaforma di social networking pensata per creare un luogo virtuale di incontro tra cittadini e politici – a livello nazionale, regionale, provinciale e comunale – che fornisce numerosi ed efficaci strumenti per dare rilevanza pubblica ai progetti e alle idee di tutti. PoliticalPeople è quindi un social network innovativo, un nuovo format per la partecipazione ordinata e responsabile alla vita pubblica. Il tutto, con la partnership con Infocert, attraverso lo strumento della Firma Digitale con criteri di autenticità.

PoliticalPeople intende quindi favorire i processi di formazione di coscienza civica e di educazione politica instaurando un dialogo basato su un approccio dal basso verso l’alto che non si limita ad affidare un ruolo passivo al cittadino, che ha la possibilità di seguire l’attività degli altri utenti, ma gli concede la possibilità di contribuire alla formulazione delle politiche locali e nazionali.

“Esprimere un’opinione, segnalare un problema, avviare una petizione o un tavolo di lavoro su temi di interesse comune – spiega ancora Povia – sono attività costruttive, ancorché possano esprimere critiche o evidenziare criticità nel modo di amministrare le comunità. In questi anni sul territorio nazionale, associazioni e comitati, semplici cittadini, hanno dato vita a battaglie civili, politiche, sociali che hanno inciso sulle scelte di amministratori e governanti”.

In rete, come nella vita, funziona meglio quello che è contro qualcuno o qualcosa. “Il nostro obiettivo invece è quello di mettere a disposizione dei cittadini, ma anche di chi è chiamato a governare ed amministrare, uno strumento di democrazia digitale. Abbiamo stretto un partnership con Infocert Spa – prosegue Povia – il primo ente Certificatore per la Firma Digitale in Italia: vogliamo dare a PoliticalPeople caratteristiche di autenticità, dei contenuti, delle petizioni, delle segnalazioni, che ad oggi mancano in tutte le altre piattaforme”.

Come si accede PoliticalPeople

Per accedere, l’utente dovrà registrarsi come «Cittadino» o come «Politico», a seconda della propria natura. Sulla piattaforma sono già precaricati i profili di tutti i politici e gli amministratori italiani, per un totale di circa 162.000 potenziali utenti «Politici», oltre a tutti gli 8.093 Comuni d’Italia.

L’attivazione del profilo come «Politico» è subordinata alla sottoscrizione di uno specifico modulo tramite Firma Digitale, al fine di accertarne e garantirne la reale identità, eliminando di fatto la presenza di profili fittizi (c.d. fake). Tale forma di tutela sarà inoltre permessa, in forma facoltativa, anche ai «Cittadini».

Nella schermata «piazza» gli utenti potranno visualizzare le «opinioni», le «segnalazioni» e i «sondaggi» pubblicati dagli utenti seguiti, e possono filtrarli in base ad alcuni criteri: pubblicati dai politici, pubblicati dai cittadini e pubblicati dagli utenti inseriti fra i propri preferiti.

Le funzioni di PoliticalPeople

LA PIAZZA – Nella schermata ‘piazza’ gli utenti possono visualizzare le “opinioni”, le “segnalazioni” e i “sondaggi” pubblicati dagli utenti seguiti, e possono filtrarli in base ad alcuni criteri: pubblicati dai politici, pubblicati dai cittadini e pubblicati dagli utenti inseriti fra i propri preferiti.

OPINIONI – Cliccando su ‘nuova opinione’ si apre un nuovo box in basso, come mostrato nello screenshot, all’interno del quale è possibile inserire un nuovo post testuale: inserendo una citazione (@personadacitare) il post sarà visibile nella “piazza” dell’utente o della città citati (è possibile citare più utenti o città).

SEGNALAZIONE – Gli utenti possono inviare una ‘nuova segnalazione’ di buona o cattiva gestione amministrativa specificando la città e la via interessate. Oltre ad argomentare la segnalazione è possibile documentarla caricando un’ immagine e ogni “nuova segnalazione” potrà essere visibile nella propria “piazza” e in quella della città coinvolta.

SONDAGGIO – Grazie alla funzione ‘nuovo sondaggio’ ogni utente può lanciare un sondaggio e formulare le relative possibili risposte. Nel testo è possibile citare gli utenti e le città che potrebbero essere interessati alla discussione, i quali potranno monitorare l’andamento del sondaggio e commentarlo attraverso i molteplici strumenti offerti dalla piattaforma.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>