Blogger / Competenze Digitali / Egovnews / in evidenza / Innovazione / Marketing / Smart City

Smart city in Italia, l’entusiasmo c’e’ ma non basta: servono competenze per creare vero valore

Smart city in Italia, l’entusiasmo c’e’ ma non basta: servono competenze per creare vero valore
1 minuti di lettura

È difficile trarre da alcuni lanci di stampa sulle smart city giudizi compiuti. Ogni giorno tantissime amministrazioni italiane (e non solo anche le imprese private) offrono alla stampa le loro “idee smart”. Per carità, non tutte queste idee sono disdicevoli e sbagliate. Anzi, spesso ci imbattiamo in ottimi “prodotti”.

Tuttavia, sotto il cappello “Smart City” si trova di tutto. Ad esempio, si trova esplicitata la volontà di garantire alle comunità locali connessioni veloci attraverso l’estensione della banda larga e del wifi. Si trovano tutte le politiche finalizzate alla sostenibilità ambientale; ma Smart City non è solo sostenibilità ambientale.

Si trovano anche veri e propri “bestiari” come l’improbabile “City Call” finalizzato a risolvere gli attriti tra gli anziani e i giovani soprattutto negli orari notturni. E spesso, si scambiano “potenziali” finanziamenti del MIUR con le risorse “effettivamente” a disposizione.

Siamo in presenza di uno straordinario entusiasmo delle comunità locali nei confronti di tutto ciò che è smart. E ciò è bene perché, di questo sono fermamente convinto, la ripresa del Paese riprenderà dall’innovazione nelle aree urbane. Ma l’entusiasmo non è sufficiente.

Mi accorgo che manca una vision, mi accorgo che mancano le competenze professionali necessarie a gestire i processi innovativi che irrompono negli ambienti urbani. E sono questi processi, ad un tempo veloci, ma costanti nella loro evoluzione, ad essere estremamente complessi. Non hanno nulla a che vedere con la trasformazione degli ambienti urbani del ‘900.

Ecco allora la necessità che le Governance cittadine abbiano una loro autonoma vision e un consolidato metodo nel governo dei processi “smart”. Naturalmente autonomia nella vision, non vuol dire autoreferenzialità, ma capacità di utilizzare il nuovo per generare trasformazione e valore nell’ambiente urbano.

L’approccio “smart” di successo è il figlio di un metodo e di una cultura organizzativa assolutamente inedita. Ecco allora l’importanza di affermare attività culturali e formative rivolte agli stakeholders cittadini; ecco allora l’importanza di un metodo basato sulla simulazione, sulla flessibilità, sul sogno. Ecco allora l’importanza dell’affermarsi di prassi rivolte a sviluppare processi partecipativi e a suscitare energie sociali di cui è ricco ogni ambito cittadino.

Foto del profilo di Michele Vianello
Ex Direttore Generale di VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia, imprime una forte impronta di innovazione IT nel territorio veneziano e veneto, sperimentando e attuando, a favore della crescita tecnologica e della competitività delle imprese, modelli avanzati di sviluppo gestionale e organizzativo “Enterprise 2.0”, nuove modalità di marketing “Web 2.0”, le più avanzate soluzioni tecnologiche e piattaforme di eccellenza. La sua carriera politica ha inizio nel 1997 come Vice Sindaco nella sua città natale: Venezia. Deputato della Repubblica dal 2001 al 2005, rientra a Venezia, braccio destro del Sindaco Cacciari alla guida della città lagunare, fino a ottobre 2009. In quattro anni promuove un cambiamento radicale nell’organizzazione della macchina comunale e nell’interazione tra PA e cittadini, con l’adozione delle filosofie gestionali “Web 2.0” e “Amministrare 2.0”. E’ ideatore delle politiche del Comune di Venezia in materia di banda larga e connettività wi-fi: con il progetto “Cittadinanza digitale” ha reso Venezia la prima città d’Italia completamente digitale, con connessione Internet wi-fi gratuita per tutti i residenti nelle piazze, biblioteche e uffici pubblici; con il portale “Venice Connected”, che intermedia decine di migliaia di ordini, ha contribuito ad innovare la gestione dei flussi turistici della città. Numerose le relazioni, gli scritti e le interviste di natura specialistica rilasciate su riviste e quotidiani. Nel 2010 pubblica il libro “VE 2.0. Cittadini e libertà di accesso alla rete” edito da Marsilio Editori. Ad aprile 2010 è stato insignito del prestigioso premio nazionale “La città dei cittadini – Cineca Award 2010”, quale personalità che si è più distinta in Italia nello sviluppo di progetti che favoriscono la comunicazione tra Istituzioni e cittadini, in particolare nell’erogazione di servizi tramite le nuove tecnologie web.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>