Il social network LinkedIn compie 10 anni

Scritto da:     Tags:  , , ,     Data di inserimento:  7 maggio, 2013  |  Nessun commento
7 maggio, 2013
linkedin-650x245

Visite: 861

Il social network dei professionisti è stato fondato nel 2003 per aiutare gli utenti della rete a trovare lavoro e valorizzare le proprie professionalità. Dieci anni fa Reid Hoffman era nel suo appartamento e aveva un sogno: costruire una rete di contatti professionali su internet. L’idea di partenza sarebbe diventata LinkedIn grazie all’intenso lavoro con un piccolo team iniziale. Nel suo primo anno di vita, LinkedIn raggiunse quota un milione di iscritti. Nei successivi sette, arrivò a100 milioni. E poi ne sono bastati appena altri due per raddoppiare fino a raggiungere la soglia superata da poco di 225 milioni di iscritti.Un successo davvero impresionante.

LinkedIn stringe alleanze ed è tra i primi a varare un’integrazione con Twitter. Sperimenta inoltre con i big data: permettono ad esempio di semplificare le connessioni tra utenti che hanno percorsi lavorativi simili e di gestire in modo più efficace le inserzioni pubblicitarie in tempo reale nella piattaforma. Un’altra mossa vincente di LinkedIn è stata quella di stabilire partnershicon aziende e marchi prestigiosi. Il primo è stato il New York Times, con cui ha stretto un contratto per la condivisione di contenuti. È poi arrivato il turno della CnbcIbm LotusBlackberry Lotus. Nel 2011, in pieno caos economico e sotto la minaccia della recessione, il presidente Obama organizzò un incontro al Computer History Museum della Silicon Valley. In modo simbolico, fu scelto come ospite proprio LinkedIn: una scelta che sembrava suggerire agli americani che il social network poteva rappresentare un’occasione per trovare un nuovo lavoro e far ripartire l’economia.

Come in tutte le grandi storie c’è stato anche per LinkedIn il momento peggiore ovvero giugno 2012, quando è stata costretta ad ammettere il furto di oltre sei milioni di password personali.  Messo da parte questo brutto passo falso l’azienda a ottobre 2012 compra SlideShare, dove gli utenti condividono le presentazioni, e  Pulse che scandaglia internet alla ricerca di notizie. Ha varato un’applicazione software per iOs e Android in grado di adattarsi agli interessi degli iscritti. Come per altri social network il grande territorio di espansione è negli accessi dai dispositivi mobili, vedremo come se la caverà su questo terreno il social network dei professionisti. Non ci resta che augurargli lunga vita!

Lascia un commento