Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Competenze Digitali / E-government / Egovnews / in evidenza / Innovazione / Marketing

Certificati telematici di malattia: come funziona la guida online dell’Inps

Certificati telematici di malattia: come funziona la guida online dell’Inps
1 minuti di lettura

Una guida online, con l’obiettivo dichiarato di avere a disposizione informazioni dettagliate sulla normativa e consultare i certificati telematici di malattia che i medici della mutua devono inviare online: è la nuova idea dell’Inps, che sul suo portale ha lanciato, nella sezione Inps Facile – Come fare per un vero e proprio vademecum per dipendenti e datori di lavoro.

Utilizzando la guida “Come fare per consultare i certificati di malattia” è possibile accedere a informazioni di carattere generale sui certificati telematici di malattia e sulla normativa che li ha introdotti e ne regola la gestione; è inoltre possibile accedere alla scheda di presentazione dei servizi offerti dall’Istituto per consentire a datori di lavoro e lavoratori dipendenti di consultare dal portale Inps attestati e certificati di malattia.

Dalla guida è anche possibile consultare un elenco delle domande più frequentemente rivolte all’Istituto, classificate per tipologia di utente (lavoratori, datori di lavoro, medici) e accedere alle informazioni sul sistema che gestisce i certificati telematici di malattia pubblicate nel sito dedicato del Ministero dell’Economia e delle Finanze (Sistema TS del Ministero dell’Economia e delle Finanze).

La nuova guida fa parte del sistema di direttive innovative che l’Inps ha voluto sul sistema di gestione dei certificati telematici di malattia, per le quali è giusto fare un ricapitolo veloce: è molto importante infatti ricordare che la certificazione online è obbligatoria anche per assenze di un solo giorno.

Inoltre è il lavoratore che deve cautelarsi in caso di errori, da parte del medico, inerenti all’indirizzo di reperibilità del lavoratore stesso: andrà quindi controllato che l’indirizzo citato per la reperibilità sia esatto e integro, nel caso che il paese sia complicato da reperire.

Se, infatti, non sarà possibile effettuare la visita per indirizzo errato o incompleto, il lavoratore non verrà giustificato e da parte dell’Inps, nel caso di versamento di risarcimento di malattia, saranno inflitte le sanzioni previste dalla legge.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register