in evidenza / Informazione / Marketing / Social Media / Strategia / Web Marketing

Come i quotidiani italiani fanno engagement su Facebook e Twitter

Come i quotidiani italiani fanno engagement su Facebook e Twitter
2 minuti di lettura

Si è conclusa domenica scorsa la 7a edizione dell’International Journalism Festival di Perugia. In particolare giovedì 25, nel corso del panel “Giornali su Facebook e Twitter: la situazione italiana”, è stata presentata l’ultima ricerca di Blogmeter su come i principali quotidiani italiani gestiscono i social media e come si rapportano ai loro lettori su Facebook e Twitter.

La ricerca è stata realizzata grazie al tool Social Analytics di Blogmeter con cui sono state analizzate le performance dei profili ufficiali dei quotidiani italiani su Facebook (56 pagine) e Twitter (38 account) per identificare chi riesce a creare la community più numerosa, coinvolgere maggiormente i propri utenti, e quali sono i contenuti che generano più interazione.

Su Facebook i leader per fan ed engagement (somma di like, commenti, condivisioni, post spontanei in bacheca) sono La Repubblica, Il Fatto Quotidiano, Fanpage.it (testata all digital che ha più fan di tutti), Leggo, seguiti a distanza da il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport. La prima eccelle per interazioni: sono circa 5 milioni quelle suscitate in 3 mesi.

Buona anche la posizione delle testate che riescono a coinvolgere la propria community, pur non avendo tantissimi fan come Il Messaggero, Il Giornale, Libero, The Huffington Post.

Su Twitter i meglio posizionati in termini di follower e di mention (RT, Reply e citazioni spontanee ricevute) sono La Repubblica (che ha circa 207.000 menzioni in 3 mesi), Il Corriere della Sera, Il Fatto Quotidiano, La Stampa, Il Sole 24 Ore, La Gazzetta dello Sport e Il Post. Con un numero di citazioni superiori alla media del settore anche Linkiesta e Fanpage.it. Qui si nota che i giornali tendono ad usare più account tematici verticali e a sfruttare la notorietà dei giornalisti per socializzare le notizie.

“Rispetto allo scorso anno emerge una maggiore presa di coscienza dell’importanza dei social media – sostiene Vincenzo Cosenza, social media strategist di Blogmeter – anche se l’utilizzo è meramente strumentale a veicolare traffico sul sito web principale. Scarso l’uso di tecniche di coinvolgimento del lettore: i link puri e semplici vengono preferiti alle foto, che però risultano essere più apprezzate dai lettori. In definitiva si usano ancora i social media come nuove edicole, senza una cura del contenuto postato su Facebook e Twitter, né del dialogo con fan e follower. Eppure l’attenzione alla community potrebbe rivelarsi molto importante nel lungo periodo, per fidelizzare i lettori e stimolarli, eventualmente, ad acquistare contenuti di qualità”.

> Le performance delle testate giornalistiche italiane sui social media from Me-Source S.r.l./Blogmeter

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>