Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Blogger / E-democracy / Elezioni politiche 2013 / Innovazione / Marketing / Social Media

Se sei su Twitter twitta!!!! Social network e crisi della politica

Se sei su Twitter twitta!!!! Social network e crisi della politica
3 minuti di lettura

In questi giorni tristissimi per il nostro Paese si è straparlato, in modo inesatto, di web e di social network.

Troppi parlamentari hanno giustificato scelte “discutibili” spiegando che i “loro” elettori glielo avevano chiesto tramite Twitter o Facebook.

Altri ritengono invece che il web deve regnare sovrano e che il Presidente scelto dal web è il prescelto dagli italiani.

Mamma, che disastro, che confusione. Confusione culturale e politica, naturalmente.

La verità è che siamo in presenza di una crisi profonda dei partiti e dei “corpi intermedi”.

I “corpi intermedi”, ossia le organizzazioni imprenditoriali e sindacali, assieme ai partiti hanno garantito la mediazione tra le espressioni e gli interessi dei cittadini e le istituzioni democratiche.

Ciò che ha messo in discussione i “corpi intermedi” non è il web, bensì la trasformazione dei modi di produrre, la crisi economica, i processi di globalizzazione.

Quello che ho descritto è un fenomeno in corso in tutto il mondo occidentale dove la democrazia si è retta sulla capacità di mediazione e di compromesso.

Semplificazioni in “salsa web” non possono essere possibili.

I social network sono solo uno STRUMENTO potentissimo che consente alle persone di intervenire sui più svariati argomenti. Proprio perché sono solo uno STRUMENTO non possono essere considerati in sé una forma di volontà popolare alla quale obbedire.

La politica (ma anche i corpi intermedi non esenti da queste pecche) non sa usare il social networking. L’uso dei social network da forma di comunicazione politica si sta trasformando in una sorta di moloch al quale passivamente obbedire.

Ciò non fa bene alla cultura politica, ai cittadini, ai social network.

La dimostrazione di quanto affermato è un articolo apparso oggi sul Corriere del Veneto sui “Parlamentari in rete”.

Ciò che mi ha colpito è la sproporzione tra followers e following e il numero dei twitt inviati.

Tre casi eclatanti sono Brunetta (88.927 followers, 331 following, 3152 twet), Moretti (19.641 followers, 524 following, 1.984 twet), Puppato (16.621 followers, 354 following, 1.594  twet).

C’é sempre una sproporzione tra numero di followers e following, soprattutto nel mondo politico. Ma questa sproporzione sta ad indicare un uso autoreferenziale del web.

I social sono strumento di interazione alla pari. In questi tre casi Twitter si riduce ad essere un monologo, sull’esempio dell’uso che si fa dei media tradizionali.

Sul web questo è concepito come una forma di maleducazione.

Idem vale per i tweet. Il tweet è la forma comunicativa.

Hai tante persone che vorrebbero seguirti, ma tu non gli parli.

Sono convinto che, per quanto attiene la stragrande maggioranza del mondo politico, funzioni proprio così.

In questo senso anche l’accoppiata Grillo/Casaleggio è quanto di più vetusto (old Internet) si possa concepire.

Insegnamenti da trarne.

Non basta essere su Facebook e Twitter. Il web VA VISSUTO senza subirlo.

Non basta esserci in modo autoreferenziale; se sei su Twitter devi twittare, e non solo in campagna elettorale o durante le primarie “perché fa cool”.

Sul web ci si sta con metodo interloquendo correttamente con i tuoi “amici”, evitando di esserne succubi.

Se state sul web abbandonate la cultura dei media tradizionali. Il web si fonda su una cultura diversa; gli algoritmi attorno ai quali sono costruiti i social network sono fatti per consentire interazione e dialogo.

Naturalmente, fatevi consigliare.

I social network sono straordinari strumenti per discutere di politica.

Ma, errore mortale, i social nterwork non sono la politica e non possono sostituirsi ad essa.

Naturalmente, questi ragionamenti valgono anche per i “corpi intermedi”, perché anche sul web, in forme diverse, si possono costruire orientamento culturale e politico, buona mediazione, ottima formazione politica. E, sempre sul web, si potranno formare nuovi “corpi intermedi”.

In un suo celebre aforisma Chris Anderson affermava che grazie al web “Le formiche hanno i megafoni.”. Sicuramente corretto a patto di non farci mangiare dalle formiche.

credits immagine
Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Foto del profilo di Michele Vianello
Ex Direttore Generale di VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia, imprime una forte impronta di innovazione IT nel territorio veneziano e veneto, sperimentando e attuando, a favore della crescita tecnologica e della competitività delle imprese, modelli avanzati di sviluppo gestionale e organizzativo “Enterprise 2.0”, nuove modalità di marketing “Web 2.0”, le più avanzate soluzioni tecnologiche e piattaforme di eccellenza. La sua carriera politica ha inizio nel 1997 come Vice Sindaco nella sua città natale: Venezia. Deputato della Repubblica dal 2001 al 2005, rientra a Venezia, braccio destro del Sindaco Cacciari alla guida della città lagunare, fino a ottobre 2009. In quattro anni promuove un cambiamento radicale nell’organizzazione della macchina comunale e nell’interazione tra PA e cittadini, con l’adozione delle filosofie gestionali “Web 2.0” e “Amministrare 2.0”. E’ ideatore delle politiche del Comune di Venezia in materia di banda larga e connettività wi-fi: con il progetto “Cittadinanza digitale” ha reso Venezia la prima città d’Italia completamente digitale, con connessione Internet wi-fi gratuita per tutti i residenti nelle piazze, biblioteche e uffici pubblici; con il portale “Venice Connected”, che intermedia decine di migliaia di ordini, ha contribuito ad innovare la gestione dei flussi turistici della città. Numerose le relazioni, gli scritti e le interviste di natura specialistica rilasciate su riviste e quotidiani. Nel 2010 pubblica il libro “VE 2.0. Cittadini e libertà di accesso alla rete” edito da Marsilio Editori. Ad aprile 2010 è stato insignito del prestigioso premio nazionale “La città dei cittadini – Cineca Award 2010”, quale personalità che si è più distinta in Italia nello sviluppo di progetti che favoriscono la comunicazione tra Istituzioni e cittadini, in particolare nell’erogazione di servizi tramite le nuove tecnologie web.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register