Apps & Mobile / in evidenza / Marketing

HD Voice, chiamate in alta definizione in arrivo

HD Voice, chiamate in alta definizione in arrivo
2 minuti di lettura

Dopo le immagini in HD, ora anche la voce. Finalmente è il caso di dire, perché in una società come la nostra, orientata più alla vista che all’ascolto, HD Voice, l’alta definizione applicata ai suoni, non è certo tra le priorità, ma non per questo qualcosa di sconosciuto né tanto meno una novità.

Su Skype e nel Voip di fatto c’è già: anziché limitare la frequenza di chiamata tra i 300 Hz e 3,4 kHz, una chiamata audio a banda larga trasmette 7 kHz o più. Avvicinandosi alla voce umana, che “trasmette” tra i 75 Hz e 14 kHz. Ma in più il protocollo HD Voice aumenta il numero dei campioni audio della voce: anziché 8.000 campioni, la voce HD arriva a 16.000.

La chiamata in alta definizione (HD VOICE):

  • offre una maggiore fedeltà della voce, migliorando la qualità delle conversazioni effettuate in mobilità e aumentando la sensazione di presenza dell’interlocutore;
  • permette di ridurre il rumore di fondo in particolari contesti ambientali, come ad esempio il traffico cittadino o un concerto;
  • offre l’esperienza di un suono più pulitocristallino e una maggiore chiarezza della conversazione.

La novità è che nei prossimi mesi in Usa gli operatori telefonici più importanti, come AT&T, T-Mobile e Sprint, attiveranno i servizi di banda larga vocale.
L’Europa non è tanto più indietro: il servizio viene offerto nel 60% dei paesi utilizzando le “vecchie” reti GSM, ma una maggiore diffusione della voce in alta definizione si avrà solo con le reti LTE di nuova generazione, che  permetterano non solo di incrementare la velocità di trasmissione dati, ma anche di migliorare la qualità delle chiamate telefoniche.

Anche gli smartphone in commercio sono già in grado di supportare il protocollo HD Voice: iPhone 5, Samsung Galaxy S3 e S4, Nokia Lumia 920, HTC One, Sony Xperia Z sono dispositivi dotati di tecnologia e hardware adatto a supportare la voce in alta qualità. Naturalmente entrambi gli interlocutori devono avere un telefono in grado di supportare lìHD Voice, ma il problema principale è rappresentato dalla ridotta interoperabilità tra le reti degli operatori. Gli smartphone devono essere connessi a celle sulle quali è attiva HD Voice e le reti devono essere compatibili. Negli Stati Uniti, ad esempio, non è possibile usare il servizio tra reti GSM e reti CDMA.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>