L’amore ai tempi di “Spotted” su Facebook

Scritto da:     Tags:  , , , ,     Data di inserimento:  4 aprile, 2013  |  Nessun commento
4 aprile, 2013
spotted-polimi1

Visite: 1084

Addio messaggi in bottiglia, inserzioni sui giornali o biglietti appesi alle stazioni delle metro:oggi l’anima gemella incontrata per caso e subito perduta per mancanza di coraggio o pudore  si (ri)trova su Facebook in pochi clic. Come? Attraverso le pagine Spotted, letteralmente “adocchiato”, che sono diventate già una moda  anche in Italia: bacheche pubbliche dedicate a università, città o altri luoghi di ritrovo, dove è possibile scrivere messaggi in totale anonimato per rintracciare con l’aiuto della rete il proprio “colpo di fulmine”.

Tutto cominciò nel 2010 dall’università di Londra quando uno studente decise di creare un sito dove lui e i suoi amici potessero scrivere commenti sulle ragazze dell’Università anonimamente e in meno di due mesi era arrivato ad avere 250mila utenti, ma il sito non ha avuto lunga vita dato che dopo reclami e proteste è stato chiuso in meno di tre mesi dalla nascita. Ma l’idea era buona e poichè al giorno d’oggi tutto passa attraverso i social network, cosa c’è di meglio di una pagina Facebook per diffondere le proprie dichiarazioni d’amore? In breve tempo infatti sono diventate migliaia le pagine Facebook dedicate agli “spotted” delle università o delle scuole superiori  dove gli studenti si divertono a scrivere cose in modo anonimo.  Tra le più numerose quelle dedicate alle università, come “Spotted: Sapienza – Università di Roma” (oltre 12.000 iscritti) e  ”Spotted Polimi“ (quasi 18.000). Ma ci sono anche le pagine dedicate a chi si incontra per caso sul tram, come “Spotted Atm“ (l’azienda dei trasporti pubblici milanese) e la versione genovese “Spotted Amt“.

Insomma la Spotted-mania è ormai scoppiata e basta un post per ritrovare il ragazzo o la ragazza adocchiata in biblioteca o a lezione e dichiararle il proprio interesse.  Ma il rovescio della medaglia, come in tutte le cose, è il rischio che basti poco per passare dai messaggi d’amore ai pettegolezzi o a commenti decisamente offensivi che nulla hanno a che fare con lo spirito con il quale sono state create queste pagine.

Al di là dei possibili rischi e delle critiche che si possono muovere all’idea delle pagine Spotted, questa moda è in ogni caso un altro esempio di come le tecnologie, e in particolare i social network, stanno entrando sempre più prepotentemente in ogni ambito della nostra vita, ora anche nella ricerca dell’anima gemella.

E voi preferite farvi avanti con un post anonimo su Spotted o un “ciao” a quatt’occhi?

Lascia un commento