Besame Mucho: finanziamenti su Kickstarter per documentario sulla figura dell’abuser

Scritto da:     Tags:  , , , , , ,     Data di inserimento:  2 aprile, 2013  |  Nessun commento
2 aprile, 2013
bm

Visite: 1317

Besame mucho … chi dimentica la versione della meravigliosa Cesaria Evora! Però noi non vogliamo parlare di questo quando pensiamo a Besame Mucho oggi, ma a qualcosa di più complesso; ad un progetto che ha lo scopo di creare un documentario sulla figura dell’ abuser, documentario che vuole indagare le problematiche all’origine di questa figura che, purtroppo, affligge le vite di alcune, forse troppe, donne. L’idea nasce principalmente da 3 teste, quella di Marina Catucci, giornalista, Roberto Vincitore, fotografo e video maker, e Elena Codeluppi, social media curator del progetto, che hanno deciso di affrontare e documentare questo viaggio nella mente di un abuser, per  evidenziare quanto questo atteggiamento malsano possa derivare da patologie psichiche sviluppate durante il corso della vita, perchè, come sottolinea la Catucci, un abuser non nasce abuser.

L’intenzione è quella di realizzare il documentario a New York, intervistando una terapeuta del dipartimento domestic violence della Nypd; l’illustre Noam Chomsky, per comprendere il peso delle parole nell’abuso verbale;  il ministro del Judson Memorial di New York, un rappresentante di UN Woman, il dipartimento delle Nazioni Unite che si occupa dei diritti e dei problemi delle donne nel mondo. Ma prima di tutto l’intenzione è quella di intervistare uomini, ex-abuser, che hanno avuto la capacità di riconoscere i proprio problemi e cercare di superarli.

“Ci è sembrato naturale pensare ad una produzione con kickstarter ed è ciò che faremo, per un sacco di ragioni diverse. Innanzitutto non avere un unico produttore è rinfrescante e liberatorio. Ho parlato con due produttori classici ed entrambi erano interessati a produrre Besame Mucho a patto di… A patto di mostrare donne in lacrime che mostrano i lividi freschi, a patto di lavorare con tempi biblici, a patto di abbassare le pretese, insomma a patto di fare un altro documentario”; e così gli ideatori di Besame Mucho hanno deciso di appellarsi alla potenza della rete e al crowdfunding, con la certezza che la portata di questo progetto e i suoi presupposti di fondo non possano lasciare troppe persone indifferenti. Tanto è vero che, dal 18 marzo, giorno in cui il progetto è atterrato su Kickstarter, hanno già raccolto 3110 dollari, con 33 backers, e contando che il progetto durerà 2 mesi, non pare poco.

Come sostenere il progetto? Oltre a donare su Kickstarter, gli autori invitano a condividere il progetto, tramite tutte le piattaforme che la rete mette a disposizione e attraverso dei Benefit, organizzando eventi, cene, piatti principale dedicati a Besame Mucho, il cui ricavato verrà donato su Kickstarter. Per iniziare, potete seguire il progetto su Facebook e guardare il video promozionale realizzato per Kickstarter, che vi proproniamo qui sotto:

Bando alle ciance, dunque: potentissima rete sostieni chi sostiene le donne!

Lascia un commento