E’ arrivato Google Keep!

Scritto da:     Tags:  , , , , ,     Data di inserimento:  21 marzo, 2013  |  Nessun commento
21 marzo, 2013
Schermata 2013-03-21 alle 13.43.21

Visite: 1307

Big G ha lanciato una nuova applicazione: Google Keep.

Cos’è Google Keep? Si tratta di una specie di blocco note che permette agli utenti di prendere nota di qualcosa e recuperare queste informazioni in modo facile e veloce. L’applicazione permette di creare liste, aggiungere foto ai propri appunti e anche di registrare note vocali che vengono automaticamente trascritte. Un block notes targato Google mancava ancora all’appello, infatti, fino ad ora, sono stati gli stessi costruttori degli smartphone e tablet che montano Android a render disponibile ai propri utenti delle applicazioni per prendere note, mentre i dispositivi della serie Nexus ne erano del tutto sprovvisti.

Le note salvate su Google Keep sono accessibili dovunque, ed proprio su questo che la casa di Mountain View ha puntato, le informazioni vengono infatti salvate nella cloud e sono recuperabili grazie all’app o anche all’indirizzo http://drive.google.com/keep.

Non si tratta di una sfida al già molto famoso Evernote, anche perché l’app di Google ha funzioni molto più limitate. Va comunque evidenziato il suo facile utilizzo, la possibilità di assegnare colori diversi alle note per essere facilitati nel trovarle e la presenza di due diversi widget da aggiungere alla propria Home per un più rapido accesso.

Al momento Google Keep è disponibile solo per i dispositivi Android, ma ne esiste anche una versione web, che tutti possono usare dal proprio browser. Sicuramente mancano ancora delle integrazioni importanti, come quella con il calendario o le mappe, ma non è detto che non vengano aggiunte con un aggiornamento in un secondo momento.

Vi lascio con una piccola curiosità: provate, dopo aver installato Google Keep, ad attivare Google Now e dire “prendi nota”… non rimarrete delusi!

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=UbvkHEDvw-o]

Notizia a cura di http://www.redboothlab.com/

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: