Elezioni politiche 2013 / in evidenza / Innovazione / Innovazione Sociale / Marketing / Politica / Social Innovation / Social Media / Strategia

Elezioni 2013, secondo l’esperto Twitter ha contato, ma decide sempre la Tv

Elezioni 2013, secondo l’esperto Twitter ha contato, ma decide sempre la Tv
1 minuti di lettura

E’ stata la prima vera campagna elettorale dei politici ‘cinguettanti’ su Twitter, ma a decidere la vittoria saranno ancora la tv e il tradizionale ‘porta a porta’ a caccia del voto. Almeno è questa l’opinione di Antonio Dell’Atti, esperto di social network e coordinatore di “WeThink”, il pensatoio dell’associazione ItaliaCamp che riunisce virtualmente i maggiori think tank italiani, e che nei mesi scorsi ha studiato proprio il tema della web democracy.

“In questa campagna elettorale – racconta a Labitalia – si è assistito a una crescita esponenziale di politici su Twitter. C’è stato un boom dal punto di vista quantitativo ma non qualitativo, nel senso che c’è spesso poca dimestichezza del mezzo e questo ha portato a pesanti gaffe da parte di politici e anche giornalisti”.

Questo perché, secondo Dell’Atti, “tanti non hanno ancora capito che Twitter non è l’arena televisiva, dove il giorno dopo aver detto una cosa tutto viene dimenticato”. “Su Twitter – spiega – le cose dette restano e quindi questo strumento può trasformarsi in un boomerang per chi non lo sa utilizzare. Chi lo ha capito ed è su Twitter ormai da tempo, come ad esempio Vendola, Renzi e Roberto Rao dell’Udc, ha uno staff dedicato che segue il tutto. Alcuni invece hanno scoperto Twitter solo da pochi mesi, come Berlusconi e Monti”.

Dell’Atti, comunque, in questa tornata elettorale, non crede “che le azioni su Twitter sposteranno tanti voti, eccetto che appunto in casi di utilizzo sbagliato e di conseguenti gaffe”.

“Per operare su questo social network – sottolinea – servono competenze, e non improvvisazione. Questa è stata comunque una campagna elettorale di transizione: c’è stato sì un boom della politica su Twitter, ma a decidere è ancora la tv e la campagna porta a porta”.

Per il futuro, però, conclude Dell’Atti, “sicuramente il mondo politico e del giornalismo non potranno prescindere dall’utilizzo di Twitter”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>