Apps & Mobile / Aziende / in evidenza / Innovazione / Marketing

Google come Apple: apre i suoi store

Google come Apple: apre i suoi store
1 minuti di lettura

Come l’azienda di Cupertino, anche il gigante di Mountain View aprirà i suoi negozi. Fisici si intende, con tanto di vetrine e teche illuminate.
Gli Apple Store – off line – si sono dimostrati infatti un’operazione vincente e Google seguirà presto l’esempio: entro la fine di quest’anno, a partire dagli Stati Uniti, aprirà i suoi store.

Effettivamente, prima di spendere centinaia di dollari in un paio di Google Glasses – i famigerati occhialini per la realtà aumentata – meglio provarli, no?!
Probabilmente la spinta decisiva all’apertura dei Google Store arriva proprio dal fatto che i vertici dell’azienda vogliono che gli utenti abbiano la possibilità di sperimentare in prima persona i famosi occhiali quando usciranno.

Oltre ai Google Glasses, i potenziali clienti potranno anche vedere e toccare con mano il Nexus 4, il Nexus 7, il Nexus 10, i Chromebook, magari pure qualche prodotto uscito da Google X, il futuristico laboratorio diretto direttamente da Sergei Brin, cofondatore del colosso di Mountain View. Per esempio la Google car, l’auto che si guida da sola, o i mini droni per uso domestico.

Qualcosa di simile in realtà Google lo ha già sperimentato: negli Usa e in Gran Bretagna in alcuni aeroporti e all’interno di grossi centri d’elettronica Google ha aperto i cosidetti “stores-within-a-store”, piccoli spazi nei quali i dipendenti informano e mostrano ai clienti il funzionamento dei Chromebook.
Ma la concorrenza degli Apple Store – ormai 400 in tutto il mondo – e da qualche tempo anche dei negozi Microsoft, si sta facendo schiacciante e Big G non può essere da meno: i negozi potrebbero venire inaugurati in tempo per gli acquisti di Natale 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>