Apps & Mobile / in evidenza / Innovazione / Marketing

Ipad trasparente: fantasia o realta’?

Polytron ha la base tecnica, Apple sogna l'ipad trasparente. Si farà?
2 minuti di lettura

Chiunque di noi “malati di novità tecnologiche”, ma anche semplici spettatori di un mondo che evolve assieme ai suoi nuovi concept, almeno una volta nella vita ha sognato di poter scrivere e organizzare file su un fondo trasparente, come il detective John Anderton in Minority Report o il mitico operatore Tank nel primo e unico Matrix.

Monitor trasparenti, esteticamente stupefacenti perché in tutto e per tutto rappresentativi di un futuro che il cinema e le riviste di settore ci hanno sempre dipinto così, con la possibilità di toccare l’invisibile. E’ vero o no? Talmente eccitante, l’idea, che solamente il pensiero di un progetto attivo per costruire un vero smartphone trasparente merita una grandissima attenzione sia a livello tecnico che mediatico, nel senso culturale del termine.

Ci sta lavorando, e seriamente, l’azienda taiwanese Polytron Technologies, come riporta il sito specializzato Mobilegeeks.com: al momento il dispositivo ha batterie, sim card e scheda di memoria ancora non trasparenti, mentre tutto il resto è in uno ‘stato’ opaco quando il dispositivo è spento e diventa trasparente quando si accende.

Polytron, però, ha già una discreta “compagnia”: pare infatti che Apple ci stia seriamente pensando, perché un iPad trasparente avrebbe una cassa di risonanza clamorosa, e tanto che sulla rete impazzano i rumors di un iPad 5 trasparente sul mercato a partire dal 2014.

C’è pure chi si diverte ad immaginarlo: la superficie dovrebbe essere sicuramente tutta in vetro e le uniche due parti in plastica sarebbero la parte superiore che comprende le due fotocamere per FaceTime e la parte inferiore con il tasto Home e il connettore Lightning. All’interno di queste due parti si nascondono dei proiettori che visualizzano l’immagine sul dispositivo, oltre ai sensori che leggono i tocchi e a tutto l’hardware che permette il funzionamento dello stesso.

Il punto ora è: se la trasparenza di per se è bellissima, quanto si può dire per la sua funzionalità, sicurezza e completa realizzazione? Il vetro, chiaramente, ha una resistenza agli urti molto bassa, così come per essere completamente trasparenza, ci sarebbe la necessità che “tutto” lo sia. Batterie, supporti e componenti interni compresi! Queste problematiche spingono verso un minor ottimismo sul tema, anche se il sogno di allargare una foto o di scrivere un pezzo “per aria” è meravigliosa. Come l’Alice di Carrol.

2 Comments

  1. Oggetto virtualmente affascinante ma realisticamente davvero poco pratico per l’uso quotidiano!
    Cosa mi darebbe in più la trasparenza?

    Reply
  2. beh, in termini di isolamento dell’utente potrebbe fare la differenza… puoi utilizzare il tuo device ma allo stesso tempo vedere quello che ti circonda, in una sorta di continuità tra on e offline

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>