Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Apps & Mobile / Beni comuni / E-government / in evidenza / Innovazione / Innovazione Sociale / Marketing / Smart City / Social Innovation

Usa, il Governo vuole la rete wi-fi coast to coast

Usa, il Governo vuole la rete wi-fi coast to coast
2 minuti di lettura

Gli Stati Uniti coperti da una gigantesca e potentissima rete wi-fi ‘coast to coast’: una proposta fantascientifica avanzata dal governo di Washington ha scatenato una guerra tra i giganti delle telecomunicazioni.
Il piano, una prima mondiale, è stato messo nero su bianco dal presidente della Federal communications commission (Fcc), l’agenzia federale che vigila sulle comunicazioni, Julius Genachowsky e sottoposto ai cinque membri della commissione.

PROSPETTIVA EPOCALE. Potrebbero servire anni per farlo diventare operativo, se e quando dovesse essere approvato, ma le prospettive sarebbero epocali: la rete sarebbe cosi ampia da consentire ai consumatori americani di fare telefonate e navigare il web senza doversi preoccupare della bolletta a ogni fine del mese.

INDUSTRIE DELLE TELECOMUNICAZIONI IN ALLARME. La proposta, di cui ha dato notizia il 4 febbraio il Washington Post, ha messo in agitazione l’industria delle telecomunicazioni che ha montato una campagna di lobby per convincere i politici a riconsiderare l’idea. Gruppi di pressione contrari sono stati mobilitati dai giganti dell’high-tech come Google e Microsoft che vedono solo potenzialità nella rete libera.
Google ha già lanciato un’iniziativa simile in alcune parti di Silicon Valley e a New York nel quartiere di Chelsea, in una zona trendy, che pullula di gallerie d’arte e uffici high-tech, ma che comprende anche diverse scuole pubbliche e un complesso di case popolari e che presto diventerà la più vasta zona franca, internet parlando, dell’isola dei grattacieli.

RETI WI-FI MOLTO PIÙ POTENTI. Le frequenze che la Fcc vorrebbe consegnare al pubblico americano sarebbero molto più potenti delle reti wi-fi esistenti che sono diventate di uso comune nelle case: sarebbero in grado di penetrare muri di cemento armato e viaggiare attraverso colline e foreste. Se tutto dovesse andare come previsto il wi-fi diventerebbe una realtà in tutte le aree metropolitane e molte zone rurali. Le reti permetterebbero a un’auto senza pilota di comunicare con un altro veicolo a un chilometro di distanza o a un paziente con un monitor cardiaco di scambiare dati con un ospedale dall’altro lato della città.

TELEFONATE GRATUITE. Più banalmente, il wi-fi pubblico permetterebbe a chiunque di fare telefonate da cellulari via internet senza pagare. Il piano della Fcc fa parte di una revisione più generale dell’assetto delle frequenze teso a rafforzare le reti cellulari e creare canali dedicati per le risposte alle emergenze. Perplessi i repubblicani, secondo cui il governo non può permettersi di perdere i miliardi di dollari che arriverebbero dall’asta delle frequenze ai privati, ma soprattutto le grandi società di Telecom come Att , T-Mobile e Verizon Wireless che hanno scritto all’agenzia federale chiedendo di far marcia indietro sull’iniziativa.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register