Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Blogger / Innovazione / Marketing / Social Media / Start Up / Strategia / Turismo 2.0

Ciceroos, il trova luoghi

Ciceroos, il trova luoghi
4 minuti di lettura

E’ ancora in versione beta, ma Ciceroos, quid the world, ha tutte le potenziali per avere (ed essere) quel quid in più rispetto ai già conosciuti “scopritori” di luoghi. “L’idea – mi racconta Daniele Cassini, founder e ceo di Ciceroos – è nata in Silicon Valley, California, anche se l’idea girava nell’aria da tempo. Io e Daniele Viva (co-founder e CTO) viviamo nel Salento, una zona turistica d’Italia e ad ogni stagione turistica si ripeteva sempre la stessa storia. Turisti che nonostante la miriade di informazioni presenti in rete perdevano molte delle bellezze della nostra terra e continuamente ci chiedevano delle informazioni sulle cose da fare o vedere. Ciò che però più ci ha colpito è stato notare quanto diversi fossero i vari punti di vista e gusti di ognuno, e molto spesso non avevamo la conoscenza per soddisfare tutti. Così da ingegneri sfegatati abbiamo pensato di costruire un “Cicerone” che sfruttasse la conoscenza collettiva, da Wikipedia a Foursquare, da Tripadvisor a Lonelyplanet e con delle tecniche di intelligenza artificiale diventasse un vero e proprio Cicerone. Come nelle storie americane, abbiamo lavorato per circa un anno in un garage, poi è arrivato un premio da €25.000 dalla Regione Puglia per giovani imprenditori (Bollenti Spiriti) e successivamente un finanziamento privato da €150.000 con due fondi di venture capital Italiani (DPixel e Principia). Ora il sistema funziona in beta (enogastronomia) in Italia e ci prepariamo ad affontare le sfide multilingua in varie nazioni dell’Europa.”

In quanti ci lavorate adesso?
Siamo un team di ragazzi sotto i 30 anni, con tre ingegneri strutturati e quattro collaboratori più la community che ci aiuta!
Proviamo a far “vivere” Ciceroos a chi sta per andarci per la prima volta
CicerOOs è motore di ricerca intelligente per scoprire i luoghi. Quando ci si deve fare un’idea di un luogo che non si conosce è un disastro, l”informazione sul web che descrive i luoghi è molto sparsa e dispersiva. Grazie ad una tecnologia proprietaria CicerOOs è in grado di comprendere, organizzare e catalogare la conoscenza accumulata sui luoghi da milioni di persone sul web e renderla fruibile in modo semplice.
CicerOOs è in grado di far scoprire le bellezze dei luoghi, così come farebbe una guida locale, un cicerone. La maggior parte dei sistemi esistenti ad oggi si focalizza sul fornire semplicemente una lista di luoghi con foto e recensioni, fornendo un unico punto di vista per scoprirli. CicerOOs invece si focalizza sul far scoprire i luoghi in base ai propri interessi, per far vivere un’esperienza diversa ad ognuno.

 

Quali e quanti fonti utilizzate?
Utilizziamo una 30ina di fonti di partenza tra cui Tripadvisor, 2Spaghi, Michelin, Foursquare, LonelyPlanet, Arte.it, MuseiOnLine, Parks, ecc. Ma è solo un test, stiamo già lavorando con un gruppo di ricerca Italiano per estendere considerevolmente il numero di fonti a breve.

Come funziona dal punto di vista di una struttura: posso iscrivermi, accedere ai miei dati e modificarli?
E’ tutto ancora in corsa, non abbiamo ancora pensato a tale funzionalità, ma non escludo che potremmo inserirla se richiesta. In questi primi mesi ci siamo focalizzati sul costruire la tecnologia base, connettendo semanticamente milioni di dati in modo da prepararci a scalare rapidamente.

E dal punto di vista utente cosa posso fare? Non ho visto possibilità di interazione (commenti, rating etc.) nè la possibilità di creami una playlist per esempio. Sbaglio?
Non sbagli, ma è nella pipeline. Ad esempio prossima settimana rilasceremo una prima versione iPhone, punto di partenza per le interazioni sociali.
L’idea della playlist è interessante, sopratutto per portarsi a spasso ciò che si è pianificato sul web. Per quanto riguarda i commenti e rating il focus sarà sugli interessi (quindi lasciare ad es. un commento sulla pizza che trovi in un locale e non sul locale in generale). Se ci sono delle coraggiose cavie che vogliono offrirsi per testare in anteprima l’app mobile e lasciare dei feedback possiamo includerli nella lista segreta, basta una semplice email (team@ciceroos.com) o contatto dalla nostra pagina facebook.

Attualmente solo in beta gastronimica: qual è la road map di questo progetto, ovvero quali altre sezioni e quando pensate di attivarle?
Stiamo già sperimentando le sezioni cultura e natura che rilasceremo nelle prossime settimane. A quel punto l’esperienza nei luoghi sarà più completa, potendo esplorare dalle spiagge ai castelli, dai percorsi di trekking alle terme, ecc. Il nostro goal è fornire un’esperienza “esplorativa” a 360°.

Business model: come pensate di ricavare degli utili?
Useremo il modello dei meta motori di ricerca come Kayak.com, aggregando in un unico punto tutti i servizi di prenotazione della spesa turistica per fornire un’esperienza utente unica. Dal proprio smartphone si potrà ad esempio prenotare il biglietto del teatro, il noleggio di una barca a vela, un corso di cucina o un’escursione a cavallo. La gestione della prenotazione sarà gestita direttamente dai partner affiliati.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Foto del profilo di Rocco Rossitto
Social media reporter, giornalista freelance e blogger. Mi occupo, come consulente, di comunicazione sul web con focus sui social media.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register