Per la tua pubblicità su questo sito:


QR code sui marciapiedi di Rio De Janeiro

Scritto da:     Tags:  , , ,     Data di inserimento:  1 febbraio, 2013  |  Nessun commento
1 febbraio, 2013
qr_rio

Estetica, turismo e innovazione: tre elementi che a Rio De Janeiro – città che ogni anno ospita più di due milioni di turisti da tutto il mondo – stanno modificando il modo di permettere a cittadini e visitatori di scoprire storia e meraviglie della città brasiliana. Un progetto attraverso cui sarà possibile disporre in tempo reale, nei punti strategici del territorio, di una mappa aggiornata, fotografie del luogo e informazioni turistiche in tre lingue (portoghese, spagnolo e inglese).

In che modo?

Da qui alla prossima estate i marciapiedi di Rio saranno abbelliti da nuove decorazioni, un sistema di mosaici bianchi e neri che riprendono nella forma e nel materiale i consueti ornamenti urbani. Di fatto, si tratta di mosaici la cui composizione corrisponde a un QR Code, che rimanda a un’app contenente risorse e servizi pensati apposta per i turisti.

Il primo mosaico, inaugurato venerdì 25 gennaio 2013 nel corso di una cerimonia pubblica, è stato installato presso la roccia Arpoador, il promontorio roccioso che delimita il confine tra Ipanema e Copacabana.

Il progetto è attualmente in via di espansione e coprirà le spiagge più belle, i punti panoramici e i luoghi di rilevanza storica e artistica di Rio. Un totale di trenta QR code pavimentali, che consentiranno ai turisti di avere sul proprio tablet o smartphone la mappa del luogo in cui ci si trova, e contestualmente conoscere tutte le informazioni sui luoghi chiave della città. Un’app da scaricare, contenuti interattivi e multimediali, la mappa dei principali siti web istituzionali e di interesse turistico.

Un innovativo utilizzo di questo strumento, che dal suo primo sviluppo nel 1994 per conto della Toyota è diventato componente fondamentale della cartellonistica e del materiale cartaceo promozionale in molte località turistiche. La scelta dei QR code pavimentali ha in particolare suscitato l’interesse del comitato organizzatore delle Olimpiadi, che sperano una notevole espansione del progetto in vista del 2016, anno in cui Rio De Janeiro ospiterà la grande manifestazione sportiva.

Una precisazione è tuttavia d’obbligo: Rio De Janeiro non è il primo luogo al mondo dove si è provveduto a modificare i marciapiedi in chiave smart. La prima realizzazione di un “QR code da marciapiede” è stata sperimentata nell’estate 2012 in Portogallo: la calçada portuguesa – ovvero il tradizionale marciapiede portoghese composto da mosaici di calcare e basalto – è stata ridisegnata nel quartiere Chiado di Lisbona componendo la forma del codice a barre, nella stagione di massimo afflusso turistico. Cliccando sul QR code è possibile avere informazioni in portoghese o inglese. Non è un caso dunque che proprio in Brasile si sia ritentato l’esperimento, dato che il tipico marciapiede vi è stato esportato durante la passata colonizzazione.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: