Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Aziende / Blogger / Eventi / Innovazione / Marketing / Social Media / Start Up

SocialabTTT, sviluppo e cultura digitale

SocialabTTT, sviluppo e cultura digitale
4 minuti di lettura

In principio un evento legato a Twitter, adesso un network in varie città d’Italia che ogni due mesi si incontrano, in rete e fisicamente, per discutere di sostenibilità, cultura digitale e del fare rete.

 

La definizione di cosa sia Socialab TTT la troviamo sul sito e recità così: “Il SocialabTTT è un sistema Open Source che utilizza le piattaforme tecnologiche e i social media a favore di una ristrutturazione sociale nell’era digitale“. Il progetto, nato più di un anno fa ha da poco cambiato nome e subito una naturale evoluzione. Partito come appuntamento sui “tips&trick” legati a Twitter, ha adesso raggiunto un grado di maturazione tale da poter allargare i propri orizzonti. Per saperne di più, anche in vista del prossimo appuntamento del 26 gennaio, abbiamo rivolto qualche domanda a Miriam Torrente. Spagnola, vive a Lecce, è una social media manager, ma soprattutto un vulcano gentile, pieno di idee e forza di volontà.

 

Miriam, come nasce Socialab TTT raccontaci i primi passi e come si è evoluto in questi due anni

Il Socialab TTT è nato come un corso di Twitter più di un anno fa e si chiamava Twitter Tips & Tricks. Il TTT è nato a Lecce e poi grazie al supporto di @urukwavu abbiamo cominciato a farlo anche a Torino, in contemporanea. L’iniziativa è piaciuta molto e pian piano hanno cominciato ad aderire alcune città sparse Italia. Abbiamo cambiato il nome da poco perché non ci volevamo concentrare soltanto all’utilizzo di Twitter. Con il cambio di nome abbiamo cambiato anche i valori e abbiamo cominciato a creare un base di persone che vogliono costruire una rete basata sullo sviluppo del buon utilizzo del web e dei social media, della sostenibilità e della promozione del territorio. Vogliamo inoltre diffondere l’utilizzo dei social media in una maniera giusta e utilizzare il web per diffondere la cultura a 360 gradi. Il nuovo Socialab TTT è un progetto molto ambizioso che mira a diffondere la cultura digitale e le buone prassi per il momento in Italia. Ma abbiamo cominciato a programmare di muoverci anche in Spagna.
Quali sono le città coinvolte e quelle in cui ti aspettavi meno interesse e invece ti hanno sorpreso?

Le città coinvolte per il prossimo TTT, #EventsTTT il 26 di Gennaio sono 5: Lecce, Roma, Milano, Genova e Bologna. In questa edizione abbiamo lasciato in stand by Torino e Messina. Stiamo cercando una perfezione tecnica e il format giusto. Ci sono tante altre città che vogliono aderire, ma stiamo lavorando molto sulla comunicazione interna e al format. Stiamo cercando un modello di scalabilità a livello nazionale ed internazionale.

Una delle città che mi ha sorpreso di più è stata Genova a livello di coinvolgimento delle persone. Il TTT a Genova ha suscitato un grandissimo interesse sia nei privati sia nelle istituzioni.

Forse a Milano non c’è tantissimo interesse perché è una città piena d’eventi, aperitivi e convegni che parlano di temi simili ai nostri. Forse molte persone possono pensare che è un evento simile agli altri. In realtà non lo è.
Qual è lo spazio che hanno gli altri social network oltre twitter in Socialab TTT

Come ho detto prima ci siamo allargati a tutti i social media. Twitter continua a rimanere il nostro preferito per la sua immediatezza e consideriamo che sia uno dei migliori strumenti per comunicare tra di noi e tra le persone che ci seguono durante gli eventi.
Ci racconti come si svolge un vostro evento e se puoi presentarci il prossimo?

#EventsTTT si svolgerà del seguente modo: ogni città avrà degli ospiti con i quali si parlerà del rapporto che c’è tra gli eventi e i social media: il tipo di ruolo che rivestono i canali digitali nell’organizzazione di un evento, come diffondere un evento online ect. Grazie al nostro partner tecnologico e sostenitore Enter, che ha creato un canale con “il meglio di” che avrà una regia gestita da Milano, faremo vedere delle pillole da tutte le città. Gli utenti, però, potranno sempre scegliere la città che vogliono e non avere interruzioni. Se io voglio seguire Roma, clicco sul canale e mi seguo tutto il loro dibattito, senza tempi morti e senza imposizioni.

Dopo il dibattito ogni città finirà con un aperitivo sostenibile e a Km 0. Una altra partnership è stata con Jenuino un movimento culturale ispirato a favorire e condividere consapevolezza su ciò che mangiamo e compriamo.
A dicembre avete spento 1 candelina. Come immagini questo secondo anno di SocialabTTT?

Questo anno ci servirà come consolidamento e forse da settembre espansione ad altri paesi.

Il Socialab TTT è un laboratorio di idee e facciamo tutto il possibile per metterle in pratica. Purtroppo il Socialab TTT è un hobby di oltre 30 professionisti del web e ci possiamo soltanto lavorare nel nostro tempo libero. Ci piacerebbe fare molto meglio, ma abbiamo pochissime risorse e tempo. Comunque siamo molto contenti del coinvolgimento delle persone nel lavorare in un progetto che mira alla diffusione della cultura e alla innovazione a 360 gradi.

 

Infine, Miriam, invita tutti i lettori di Pionero.it

Se volete aiutarci e collaborare con noi mandateci una mail a info@socialabttt.com

 

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Foto del profilo di Rocco Rossitto
Social media reporter, giornalista freelance e blogger. Mi occupo, come consulente, di comunicazione sul web con focus sui social media.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register