Wikivoyage, giro del mondo 2.0 con la Wikipedia del turismo

Scritto da:     Tags:  , ,     Data di inserimento:  21 gennaio, 2013  |  Nessun commento
21 gennaio, 2013
wikivoyage

Visite: 901

Non è un’enciclopedia, né una brochure pubblicitaria, né una sorta di pagine gialle 2.0 del turismo: l’intento del progetto che andiamo a raccontarvi è agevolare la consultazione on e off line di informazioni rapide e instant da parte di turisti che si trovano «in un affollato internet point a notte fonda nell’oscura giungla», come si legge nelle linee guida del sito, e facilitare lo scambio di informazioni tra turisti che abbiano già visitato una località o siano in procinto di farlo.

Questo è Wikivoyage: una piattaforma wiki che permette la creazione collaborativa di una guida turistica open volta a presentare ogni luogo del mondo con il contributo di cittadini e turisti. Creata in Germania nel 2006 sul modello di Wikipedia, è stata resa accessibile da Wikimedia Foundation a partire dallo scorso 15 gennaio.

Attualmente in versione Beta, Wikivoyage si presenta oggi come una raccolta di oltre 2.000 articoli (il numero preciso alla data del 21 gennaio 2013 è 2.354, ndr), che attraverso il contributo dei quasi 5.000 wikivoyagers attualmente registrati si propone di diventare – come scritto nella presentazione del sito – “una guida turistica mondiale aggiornabile, affidabile e dal contenuto libero”. Un progetto Creative Commons, che si presta ad affidare i propri contenuti anche a guide turistiche ad hoc, libri di viaggio, associazioni e singoli viaggiatori che stanno progettando itinerari e vacanze.

Come si può contribuire a Wikivoyage? Il sito presenta un regolamento preciso, con linee guida e condizioni d’uso da parte degli utenti: le norme di inserimento e formattazione sono analoghe a quelle di Wikipedia, a partire dal carattere enciclopedico di ogni singola voce. Il materiale caricato su Wikivoyage deve essere documentato, attendibile, imparziale e non copiato da altre fonti.

È possibile creare, modificare e correggere pagine relative a tre tipologie: voci dedicate a singole località o beni culturali; voci dedicate a itinerari; voci dedicate a tematiche inerenti il turismo (esempi: informazioni su compagnie aeree, fuso orario, viaggiare con animali, ecc.). Come avviene su Wikipedia, si può contribuire all’enciclopedia attraverso testi, fotografie e caricamento di file.

Quando è nato Wikivoyage? Il nome originario del progetto era Wikitravel, creato nel 2003 dai coniugi Evan e Michele Ann Prodromou e che utilizza lo stesso software di Wikipedia. Nel 2006 i due fondatori hanno venduto i diritti di Wikitravel all’azienda Internet Brands, specializzata in e-commercee che ha assunto i Prodromou per consentire loro di portare avanti il progetto in prima persona. Alcuni utenti tedeschi di Wikitravel hanno pertanto deciso di creare una piattaforma autonoma, importando i contenuti di Wikitravel in lingua tedesca: così è nata Wikivoyage, la cui attività ha proseguito fino al “lancio” ufficiale di oggi. Wikitravel è attualmente inglobato nell’azienda Wikitravel Press, gestita dai coniugi Prodromou con altri soci, che stampa e vende guide turistiche scritte con licenza Creative Commons.

Un progetto che conferma la vocazione di Wikimedia per la promozione delle località turistiche attraverso la collaborazione attiva degli utenti, come avvenuto tramite il contest WikiLovesMonuments: un concorso online che si svolge dal 2010 e invita gli utenti a documentare, attraverso fotografie, il patrimonio culturale della propria città.

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: