Apps & Mobile / in evidenza / Marketing / Social Media

Facebook si tuffa sul VoIP: negli Usa si chiama gratis con gli iphone

Facebook lancia il servizio di chiamata gratuita sugli iphone: si parte dagli Usa
1 minuti di lettura

Prima o poi doveva succedere, anche perché telefonare gratis è l’aspirazione di tutti, soprattutto di chi, col telefono, ci vive quotidianamente. In realtà, “gratis” è un concetto non corretto, perché il vecchio e caro Skype funziona solo con la connessione Internet, che gratis – in Italia almeno – si trova raramente, sporadicamente, e in maniera neppure ben identificata.

Negli Stati Uniti, dove si possono comprare pistole e fucili ad alta precisione in un qualsiasi negozio di fronte a casa e, tendenzialmente, se ti ammali senza assicurazione sei quasi spacciato, hanno altre prerogative (nessuno è perfetto). Oltre allo spendere per benzina e gasolio un quarto di quello che spendiamo noi, vedono la rete come un “bene comune”. Facebook lo sa bene, ed ecco l’assalto alle comunicazioni VoIP. Che, puntuale, parte dal Messenger degli Iphone ma, a breve, si estenderà anche ai sistemi Android, andando a far concorrenza a Skype.

Per ora, il sistema consente di effettuare una chiamata vocale verso i propri amici su Facebook gratuitamente: la qualità parrebbe buona – in linea con quella di Skype, insomma – e la modalità di chiamata piuttosto semplice. E’ sufficiente selezionare l’amico che si intende contattare e cliccare sul tasto “free call“: il destinatario, però, vedrà comparire sul suo smartphone una notifica col nome del chiamante, e quindi non, come nel caso di Skype, uno “squillo” classico. Il cui punto forte è costituito, sicuramente, dalla possibilità di effettuare video-chiamate per ora non previste sul sistema Facebook (ma è solo questione di tempo).

Va precisato che non è possibile, per ora, neppure contattare telefoni cellulari o fissi (con Skype si): la sensazione è che i responsabili marketing del social network più famoso del mondo utilizzeranno questo secondo step – il primo è stato la sperimentazione in Canada per verificare il corretto funzionamento tecnico del sistema – proprio per capire se il “gioco vale la candela”. Poi, sulla base di previsioni ottimistiche o meno, si offrirà su scala globale un prodotto concorrenziale. La nicchia, quando si parla di Facebook, non ha troppo senso di esistere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>