La mia prima app: applicazione per bambini de il Sole24ORE

Scritto da:     Tags:  , , , ,     Data di inserimento:  10 gennaio, 2013  |  Nessun commento
10 gennaio, 2013
La-mia-prima-app-–-Alla-festa-con-Tina-Talpina

Visite: 1147

 

E’ di qualche settimana la notizia dell’uscita della nuova App per iPad per bambini de il Sole24ORE, dal nome  La mia prima App: Alla festa con Tina Talpina”, disponibile su iTunes al costo di 3,59 euro. L’applicazione propone una serie di giochi il cui scopo finale è aiutare gli animaletti della fattoria ad organizzare una festa di compleanno per la suddetta Talpina. I giochi, che coordinano abilmente il divertimento e l’aspetto pedagogico, appositamente studiato per sfruttare le capacità interattive offerte dall’ iPad, sono divisi in: Ghiande in tana, Pioggia dolce e Occhio alle carote, la cui complessità varia e si modella secondo le abilità del bambino.

La questione del rapporto bambini- nuovi device non è da sottovalutare proprio perché ci si trova al cospetto di un fenomeno reale, che non può essere tralasciato. “Fortunatamente” questa tendenza non è sfuggita ai più gagliardi e ai più innovativi, che non mancano di sfruttare la loro intelligenza per creare applicazioni che garantiscano, quanto meno, il coinvolgimento produttivo e pedagogico del bambino.

Sarebbe forse appropriato domandarsi quanto tutto questo sia politically correct e quanto cavalchi l’onda della suscettibilità dei bisogni del bambino. Nonostante tutto c’è sempre chi tenta di salvaguardare la salute dei nativi digitali e supporta il ruolo faticoso del genitore che nemmeno sapeva, fino  a qualche mese fa, cosa fosse un’iPad. Tanti che si adoperano per garantire lo sviluppo di applicazioni realmente educative e divertenti, tanti che recensiscono le applicazioni e ne consigliano le migliori. Insomma, ci riserviamo dei dubbi circa il preferire che una bella fiaba sia più affascinante su un iPad che letta da un genitore, ma indubbiamente c’è tutto un mondo nascente che garantisce aspetti altamente interessanti.

 

Notizia a cura di http://lampadinalab.wordpress.com/

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: