Stati Uniti con l’iphone, Europa terra di Samsung: la battaglia degli smartphone

Scritto da:     Tags:  , , , , , , ,     Data di inserimento:  8 gennaio, 2013  |  Nessun commento
8 gennaio, 2013
Iphone 4S o S3? Usa ed Europa sembrano delineate ma i confini sono labili

Visite: 7934

Lo status quo resta quello: la Mela comanda negli States, coi suoi immensi store nei viali più glamour di Hollywood ma anche nei sobborghi di New Orleans a farla da padrone e l’iphone, simbolo di un’intera generazione che ha fatto del telefonino un nuovo modo di essere, sempre più riferimento tecnologico del cittadino americano. L’Europa, invece, si inchina alle sinuosità del nuovo S3 della Samsung e al sistema Android, quanto di più “vicino” a battere iOs esista in natura.

Battere, poi, è un concetto arcaico nella battaglia che, per il mobile, è diventata anche più dura di quanto, un decennio fa, non fosse quella tra Windows e Mac. Lo ha appurato uno studio pubblicato da Kantar Worldpanel ComTech che prende in esame la distribuzione mondiale dei dispositivi mobili in base al software installato: più del 50% è la fetta presa da Apple negli Stati Uniti, anche se Android domina ancor di più il Vecchio Continente, intaccato ormai per il 61% (+10 punti percentuali in un anno, incredibile ma vero).

L’idea di Samsung adesso è attaccare frontalmente anche la terra dei Mac, con una strategia aggressiva che da sempre Apple ha rifiutato, puntando su design, stabilità e assoluta unicità del modello, quasi fosse un “must” disporre dell’i-phone.

C’è da dire che, però, a livello di sistema operativo Android compete molto meglio di quanto le varie versioni di Windows non facciano con Os e accoliti: ecco perché negli Usa lo smartphone della Samsung ha conquistato il 40% degli utenti. Apple virerà, probabilmente, su un iphone mini che probabilmente consentirebbe di posizionare sul mercato un prodotto alternativo a tutti i terminali Android – non gli “S” standard, quindi – che vanno dai 250 ai 500 euro di costo. Non è da Apple? Dipende dai punti di vista. E dalle fette di mercato…

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: