Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Agenda Digitale / in evidenza / Innovazione / Marketing / Start Up

L’identikit della start up innovativa

Start up innovative: agevolazioni, particolarità, requisiti
2 minuti di lettura

L’idea è semplice e altrettanto utile: favorire l’occupazione giovanile e lo sviluppo tecnologico, usando il primo fattore come volano per il secondo e viceversa. Per riuscirci, basterà tenere a mente il perfetto identikit della start up innovativa, una specie di vademecum di cosa, come, quando e soprattutto come queste nuove imprese agevolate possono prendere vita e, magari, anche decollare.
Vincoli
Il decreto crescita 2.0, peraltro pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di ieri (visibile on line oggi) e in vigore dal 2 gennaio 2013, ha spinto molto su open data e start up, società di capitali anche già esistenti da non più di 4 anni, comunque non quotate, i cui soci devono essere in maggioranza persone fisiche al momento della costituzione e almeno per 2 anni. Importanti i vincoli geografici (la società deve avere il suo core businnes in Italia), economici (fatturato non superiore ai 5 milioni) e di oggetto sociale (sviluppo, produzione e commercializzazione).

Ricerca e sviluppo
Ok, ma dove alberga l’innovazione? Appunto: le start up innovative, per esser ritenute tale e godere dei benefici specifici, devono essere titolari, depositarie o licenziatarie di almeno un brevetto o un’invenzione (intesa come privativa industriale). Da qui, dall’ingegno, dipende un po’ tutto. Per rafforzare il concetto, ecco i vincoli della spesa in ricerca e sviluppo (superiore al 20% del maggiore fra costo e valore della produzione) e della tipologia dei dipendenti-collaboratori, formati per almeno il 33% da ricercatori universitari o dottorandi, siano le sedi degli Atenei in Italia o all’Estero.

Lavoro
Fisco e contributi azzerati sulle stock option a collaboratori, amministratori e dipendenti
. Retribuzione pari solamente al minimo tabellare, più eventuale parte variabile legata alla produttività, per tutti i lavoratori assunti. E più libertà sui contratti a termine. Massima flessibilità, quindi, a livello di personale, anche se l’obiettivo finale è creare maggiore e migliore lavoro. Come? Con canali privilegiati al credito d’imposta per l’occupazione di personale particolarmente qualificato, e strumenti finanziari o altri diritti ad hoc, attribuiti a dipendenti e collaboratori, che non concorrono alla formazione del reddito imponibile sia a fini fiscali che contributivi.

Agevolazioni
Oneri ridotti alla Camera di Commercio per avvio di impresa e iscrizione annuale, esenzione dalla normativa sulle società di comodo, deroghe in serie al diritto societario per quanto riguarda ripianamento perdite ed emissione di obbligazioni.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register