Agenda Digitale / Blogger / Competenze Digitali / Innovazione / Marketing

Agenda Digitale e l’hashtag-fail #firmateildecreto

Agenda Digitale e l’hashtag-fail #firmateildecreto
1 minuti di lettura

In queste ore l’Italia si gioca il lavoro di mesi sull’Agenda Digitale. Nonostante il testo emanato dal Governo non abbia avuto l’adeguato passaggio parlamentare (al Senato si è votato un maxi-emendamento mentre alla Camera è stata posta la fiducia sul testo precedentemente approvato al Senato), il decreto è nella via della conversione (votazioni previste oggi, 12/12/12, dalle ore 19.30).

Da qualche giorno gira un hastag su twitter #firmateildecreto e mi son chiesto di che si trattasse, visto che il Decreto Legge 179/2012 (Decreto Crescita 2.0) è già stato firmato il 18 ottobre 2012 (con pubblicazione in GU il 19 ottobre 2012) e che pertanto il decreto deve essere votato per la conversione del medesimo. Che senso ha quindi il “firmate il decreto”?

L’hashtag è stato utilizzato da moltissimi “influencer” della rete, usato come avatar su twitter e sfondo sulle pagine di Facebook al punto che addirittura la Commissaria Europea Neelie Kroes è caduta nell’errore.

Neelie Kroes e l’uso di #firmateildecreto

Ho fatto notare che l’uso di questo hashtag non è corretto, in quanto in caso doveva essere #votateildecreto (o, volendo utilizzare quello già in uso da tempo per i vari live tweet e resoconti che quotidianamente faccio in relazione alle attività parlamentari, #crescita20).

Ma si continua comunque ad utilizzarlo, creando tra l’altro ambiguità nella catalogazione delle discussioni, con pure delle opinioni secondo cui anche se è errato, oramai è utilizzato e quindi si continua ad utilizzarlo. La domanda però sorge spontanea: chi ha lanciato questa campagna di comunicazione con un hastag errato, coinvolgendo in errore gran parte della sfera degli influencer della rete?

 

Foto del profilo di Roberto Scano
Si occupa di informatica e innovazione dallo scorso millennio, presidente sezione italiana dell'associazione internationale dei professionisti del Web (IWA/HWG) nonché coordinatore EMEA e rappresentante all'interno del W3C per IWA/HWG International. Da anni si occupa di evangelizzare la tematica dell'accessibilità del Web (sia in ambito aziendale, che all'interno delle P.A.) e della qualità dei servizi Web della P.A. Autore di diversi libri in materia, attualmente è docente e consulente. Componente della cabina di regia per l'agenda digitale italiana, ha partecipato alla stesura di diverse norme e regole tecniche. Per maggiori informazioni http://robertoscano.info/about

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>