Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
in evidenza / Marketing / Social Media

Arriva Socl, il social network di Microsoft

Arriva Socl, il social network di Microsoft
1 minuti di lettura

Anche Microsoft lancia un proprio social network. Da qualche giorno, infatti, è disponibile la versione beta di “Socl”: piattaforma social nata come un esperimento di social-search destinata agli studenti che desiderano condividere informazioni e immagini in base ai propri interessi che, secondo le dichiarazioni degli ideatori, si apre adesso al vasto popolo della rete senza l’obiettivo di fare concorrenza diretta agli altri social network.

La costruzione di pagine e profili offerti da Socl richiama molto da vicino la nuova interfaccia a finestra introdotta dal nuovo sistema operativo Windows 8, consentendo agli utenti la costruzione di una propria pagina personale con con foto, video, testi e altri elementi, e di condividerli con chiunque sia interessato all’argomento del post specifico.

Il risultato finale, quindi, presenta un collage personale di diversi “parties”, ognuno dedicato a un argomento, su cui l’utente può intervenire o invitare atri utenti. Il “collante” tra gli utenti, emerso da un primo anno di attività sulla piattaforma tra i ricercatori Microsoft e ad alcune università, è la capacità  di porsi come strumento per la condivisione di conoscenze e interessi utili.

Tra le mille immagini curiose e divertenti che negli ultimi tempi sono circolate in rete vi sarà certo capitato di imbattervi nelle varie versioni dei “Social Media explained”: simpatiche infografiche che spiegano in termini pratici le differenze tra le diverse piattaforme social: così, per esempio, usiamo facebook per dire che “ci piace il caffè”, con instagram condividiamo “una nostra foto vintage mentre beviamo un caffè”, su Linkedin inseriamo “l’abilità di bere un caffè” tra le nostre “skill” mentre con su google+ potremmo trovare tutti gli impiegati di Google che amano questa mitica bevanda.

Per scoprire quali saranno funzioni offerte da Socl (e quali esperienze da esse derivate) in grado di posizionarla in un mercato caratterizzato da un continuo fiorire di nuove piattaforme sempre più promettenti in termini di possibilità offerte all’utente (tanto in senso si apertura al mondo quanto in termini di “controllo” del proprio) non resta che attendere che la piattaforma cominci a diffondersi tra gli utenti.

Email Print Twitter Facebook Google LinkedIn
Foto del profilo di Lorenzo Orlando
Laureato in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l'Università Sapienza di Roma, dal 2008 collabora col Cattid nell'ambito delle attività del gruppo di ricerca Logos, per il quale partecipa a diversi progetti sui temi dell'e-Government, dell'e-Inclusion, dell'e-Partecipation, dell'Open Data. È membro fondatore dell'associazione "Stati Generali dell'Innovazione".

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Campi richiesti *

Puoi usare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register