BTO: Firenze patria del turismo online

Scritto da:     Tags:  , , , , , ,     Data di inserimento:  28 novembre, 2012  |  Nessun commento
28 novembre, 2012
bto

Visite: 734

“Dalla Leopolda alla Fortezza da Basso: spazi più grandi per la quinta edizione della BTO per poter accogliere tutti coloro che hanno manifestato interesse per questo evento che sta contribuendo a fare di Firenze la capitale europea del turismo online“. Sintetizza così Giancarlo Carniani, coordinatore del programma, l’edizione 2012 di BTO, Buy Tourism online, presentata ieri mattina a Firenze in Palazzo Sacrati Strozzi.

Se l’Italia deve fare ancora molti passi avanti sull’utilizzo del web, la Toscana nel settore del turismo è in contro tendenza. A ricordare il buon rapporto tra turismo e internet è stata l’assessore alla cultura, Cristina Scaletti: “in Toscana si è passati dal 58 per cento delle prenotazioni online del 2011 a poco meno del 64 per cento nel 2012; e la Toscana è la prima meta richiesta su Google Maps”. Per la BTO quest’anno nuova location e calendario più ricco rispetto all’edizione passata. Alla Fortezza dal Basso dal 29 al 30 novembre si svolgeranno 20 focus point che faranno il punto della situazione su sei temi caldi per il turismo: online, social media, mobile e app, reputation, social commerce e brand index di FutureBrand che svelerà quanto il marchio “Italia” sia competitivo.

partecipanti torneranno a casa con tanti dati nuovi di zecca su cui modellare le future strategie: il 29, in anteprima per la BTO sarà presentato, infatti, un report sullo stato dell’online travel in Italia, firmato da PhoCusWright mentre Blog Meter fornirà una fotografia dello stato dei social media. Tutti elementi che aiuteranno gli addetti ai lavori a comprendere come cambia il modo di viaggiare e cosa vogliono i viaggiatori. Un evoluzioni continua e rapida: lo scorso anno ha ricordato Carniani al centro del dibattito c’era il social commerce, e il fenomeno di Groupon, che nel 2012 si è sgonfiato.

Per maggiori informazioni: www.buytourismonline.com/

Lascia un commento


Ti potrebbe interessare anche: